iscrizionenewslettergif
Sport

Albinoleffe, Simon Laner ci crede: a Cesena possiamo fare bene

Di Redazione6 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Simon Laner

Simon Laner

VERDELLO — Il momento è importante, inutile nasconderlo. Dopo aver finalmente centrato il successo interno contro il Gallipoli, per l’Albinoleffe arrivano due trasferte consecutive sul campo di Cesena e Grosseto. Prove importanti per migliorare ancora la classifica.

Simon Laner, tuttofare altoatesino a disposizione del centrocampo di Mondonico, si prepara al doppio impegno senza paura. Rispetto per l’avversario, massima fiducia nei propri mezzi. Sempre.

Simon Laner, i prossimi due impegni saranno difficili. Come vedi le gare di Cesena e Grosseto?
Giocare lontano da casa è sempre difficile, saranno impegni insidiosi ma credo sia molto importante prendere punti sabato al Manuzzi. Se dovessimo riuscirci, andremmo poi a Grosseto con uno spirito diverso ad affrontare tanti ex seriani. Conosco personalmente Carobbio, poi ci sono Gustinetti, Acerbis, Conteh e Joelson che in passato hanno giocato all’Albinoleffe: sarà una bella serata.

Certo che i bianconeri sono un avversario tosto, difesa di ferro e grande rendimento interno…
Cifre e classifiche mi interessano poco, pensarci sarebbe pericoloso per chi scende in campo. Andiamo per fare la nostra partita, come sempre: se la loro difesa è forte cercheremo di superarla, la vittoria sul Gallipoli deve darci morale.

Credi che possa bastare la prestazione fornita con i pugliesi?
Abbiamo sfruttato le occasioni come altre volte non ci era riuscito, sicuramente servirà più velocità e nello specifico una maggiore bravura in profondità. Le ripartenze vanno gestite bene, l’inserimento dei centrocampisti è molto importante.

Ma Laner in quale posizione si trova meglio?
Il mio ruolo è quello di esterno, ogni settimana si provano comunque soluzioni che esulano dalla mera definizione tattica di una posizione. A Mantova e a Bresca ho giocato alle spalle di Ruopolo, mi piace accentrarmi per partecipare attivamente all’azione e se il mister dovesse chiedermelo non ci sarebbero problemi a farlo di nuovo.

Fabio Gennari

Foppa, dopo la sosta inizia il tour de force

Le ragazze della FoppaPedretti Bergamo BERGAMO -- La quiete prima della tempesta. Sportiva, ovviamente. La FoppaPedretti Bergamo, dopo i quattro ...

Conte suona la carica: con la Juve combatteremo con tutte le nostre forze

Antonio Conte ZINGONIA -- Nella consueta conferenza della vigilia, Antonio Conte lascia ancora una volta qualche dubbio ...