iscrizionenewslettergif
Bergamo

Confesercenti: Bergamo non può fare a meno dell’aeroporto

Di Redazione5 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Confesercenti: l'aeroporto è indispensabile allo sviluppo di Bergamo

Confesercenti: l'aeroporto è indispensabile allo sviluppo di Bergamo

BERGAMO — “Le potenzialità del turismo in città devono assolutamente essere intercettate fino in fondo. Bergamo ha tutto per muoversi nella giusta direzione, a partire dall’aeroporto”. E’ l’opinione della Confesercenti di Bergamo che, attraverso il suo presidente Giorgio Ambrosioni, si schiera apertamente accanto a Confindustria e allo scalo bergamasco.

“Il direttore di Confindustria Bergamo – si legge in un comunicato diffuso dalla Confesercenti – ha dato una scossa all’immobilismo che troppo spesso caratterizza la realtà bergamasca. Per uscire dalla crisi bisogna cogliere l’opportunità offerta dal grande afflusso di visitatori che ogni giorno sbarca a Orio. Un appello a tutte le forze economiche e sociali della città e della provincia, da raccogliere in fretta e senza esitazione. Confesercenti condivide le parole di Confindustria e auspica che tutti gli attori sociali ed economici lavorino in questa direzione. Alle parole, però, devono seguire i fatti: in questo senso, il collegamento ferroviario con l’aeroporto di Orio deve essere considerato una priorità assoluta”.

“Più che mai necessario anche il rilancio del centro cittadino – prosegue l’associazione – in modo da renderlo vivo e attrattivo anche di sera. E’ un’esigenza netta e urgente emersa dal mondo giovanile e non solo, che l’amministrazione deve cogliere e soddisfare. Infine, Confesercenti ritiene fondamentale credere nel potenziale dei Distretti urbani del commercio, progetti capaci di dar vita a vere e proprie isole dello shopping, che possano costituire una valida alternativa alla grande distribuzione”.

“In questo processo anche i commercianti devono quindi fare la loro parte – chiosa il presidente Ambrosioni – entrando a far parte di pacchetti ad hoc,che potrebbero nascere su determinati temi come enogastronomia, artigianato artistico o divertimento di immediata fruibilità. Per il turista inoltre sarà fondamentale far crescere sempre più fra tutti gli addetti ai lavori quella cultura dell’accoglienza che è ancora troppo deficitaria e che va accompagnata anche da un uso un po’ meno approssimativo delle lingue straniere, inglese in primis. Una città vivace, ben frequentata e accogliente è il miglior biglietto da visita per intercettare il flusso turistico in arrivo a Orio. Ma bisogna muoversi in fretta altrimenti si finirà per perdere l’occasione».

Inchiesta Stadio: la Curva Nord è vecchia e piena di malanni

La Curva Pisani BERGAMO -- Durante le gare interne dell'Atalanta, è il cuore pulsante del tifo nerazzurro. Per ...

L’Inps promette pagamenti regolari ai cassa integrati

L'Inps ha promesso la regolarizzazione dei pagamenti BERGAMO -- Si è concluso con qualche passo in avanti l'incontro fra i sindacati Cgil, ...