iscrizionenewslettergif
Valbrembana

Usavano bimba per ispezionare: arrestati rapinatori delle gioiellerie

Di Redazione4 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bel colpo dei Carabinieri di Zogno

Bel colpo dei Carabinieri di Zogno

ZOGNO — Utilizzavano la figlia di sette mesi come copertura per ispezionare la zona. Poi entravano in azione e rapinavano la gioielleria di turno. I Carabinieri di Zogno hanno arrestato una coppia di conviventi bergamaschi sospettati di essere gli autori di almeno quattro rapine, avvenute negli ultimi mesi fra Lombardia e Veneto.

In manette sono finiti un uomo di 34 anni e la compagna di 39 anni. I due sono stati bloccati nella loro casa di Almè da un’irruzione dei Carabinieri. I militari hanno trovato nell’abitazione alcuni monili in oro, frutto delle rapine.

Nel loro “curriculum” ci sarebbe la rapina commessa il 17 agosto 2009 a Petosino, alla gioielleria Bezzi. Allora il titolare di 66 anni fu preso a martellate dal bandito che fuggì con un bottino di diverse migliaia di euro. Poi avrebbero colpito alla gioielleria Miri di via Battisti a Bergamo il 18 giugno 2009: la titolare fu percossa brutalmente nonostante non avesse reagito. Il colpo fruttò circa 20mila euro). Poi una rapina da 100mila euro a Verona con un bottino di cento mila euro e di un tentativo fallito il 31 ottobre alla gioielleria Sola di Seriate (qui l’uomo avrebbe agito da solo).

Identica la tecnica utilizzata. La donna entrava nel negozio, passeggiando con la figlia nella carrozzina e acquisendo informazioni utili al compagno. Poi toccava a lui che entrava in gioielleria fingendosi interessato a un gioiello poi entrava in azione con violenza, mentre la donna attendeva fuori.

Durante una di queste rapine però ha lasciato le impronte digitali e grazie a un video a circuito chiuso anche la sua immagine, non troppo nitida ma sufficiente all’identificazione. Ora i due sono accusati di rapina aggravata e continuata, sequestro di persona e lesioni gravi. L’uomo si trova in carcere, mentre la donna è stata scarcerata con l’obbligo di dimora, per la bimba di sette mesi.

Zogno: colto da malore in auto, pensionato vola nel burrone

Per recuperare l'auto è stata necessaria un autogru ZOGNO -- Stava guidando la sua auto quando è stato colto da un malore e ...

Scontro in bicicletta sulla ciclabile: gravi due anziani

L'intervento dell'ambulanza CAMERATA CORNELLO -- Rocambolesco incidente questo pomeriggio a Camerata Cornello. Due anziani in bicicletta si ...