iscrizionenewslettergif
Politica

Sicurezza: Maroni apre all’opposizione, Bossi chiude

Di Redazione4 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Roberto Maroni, Umberto Bossi e Silvio Berlusconi

Roberto Maroni, Umberto Bossi e Silvio Berlusconi

MILANO — Se dall’opposizione arriveranno proposte per “dare più soldi alla polizia, la Lega è pronta a sostenerle”, aveva detto il ministro dell’Interno Roberto Maroni sottolineando che sulla sicurezza “non possono esserci vincoli di maggioranza”.

Poi subito dopo è arrivata la correzione di Bossi. “Maroni l’ho allevato io quando era ragazzino e quindi farà ciò che dice la Lega – ha dichiarato il senatur al termine del funerale della poetessa Alda Merini nel Duomo di Milano -. La Lega mantiene la parola: abbiamo fatto le elezioni con Berlusconi, non con l’opposizione. Per avere i fondi tratteremo con il ministro Tremonti”.

Il ministro dell’Interno aveva anticipato una dura lotta in Parlamento sulle risorse per la sicurezza. “E io garantisco che sia da parte mia sia dalla Lega su questi temi faremo una battaglia forte – aveva aggiunto – perché se ci sarà una proposta di dare più soldi alla polizia da parte dell’opposizione noi la sosterremo. E se da ambienti governativi arriva una richiesta di tagli noi voteremo contro”.

Maroni aveva anche detto di aver chiesto direttamente al premier Silvio Berlusconi uno stanziamento aggiuntivo di un miliardo e 100 milioni di euro per le Forze di polizia in aggiunta al bilancio 2010.

Tentorio al Centrosinistra: inutili e sterili le polemiche sulla crisi

Il sindaco di Bergamo Franco Tentorio BERGAMO -- "La crisi economica, che sta colpendo anche la città di Bergamo, ha già ...

Benemerenze: il Comune dà il via libera alle segnalazioni. E voi chi votereste?

Palazzo Frizzoni, sede del Comune di Bergamo BERGAMO -- Volete dare una benemerenza a un cittadino che si è particolarmente distinto? Ebbene ...