iscrizionenewslettergif
Sport

A Cagliari finisce 3-0: pesante sconfitta per l’Atalanta

Di Redazione1 novembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La seconda rete del cagliaritano Nenè

La seconda rete del cagliaritano Nenè

CAGLIARI — Dalle stelle alle stalle. Sono passati solo sette giorni e la bella Atalanta che ha superato il Parma per 3-1 sul terreno del Comunale sembra già un lontano ricordo. I nerazzurri perdono la seconda partita consecutiva in trasferta, il 3-0 subito dal Cagliari per la verità è troppo pesante per quando si è visto sul terreno di gioco.

La partita infatti si decide nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo, l’inizio di gara dell’Atalanta non è del tutto negativo ed anche se non si sono registrate particolari occasioni da rete sono stati i bergamaschi a cercare la manovra con il Cagliari pericoloso solo in contropiede.

Qualche trama palla a terra Doni e compagni hanno provato a disegnarla, Marchetti non è stato mai chiamato seriamente in causa ma Conte, considerate anche le pesanti assenze, ha apprezzato: al 24′ Guarente, Doni e Tiribocchi hanno scambiato di prima intenzione liberando Madonna in area, stop difettoso e palla in angolo.

Per la terza volta consecutiva però sono le palle inattive a condannare i nerazzurri. Alla mezz’ora, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, l’attaccante di casa Nenè stacca indisturbato in mezzo all’area e anticipa l’uscita non impeccabile di Consigli: il vantaggio galvanizza i padroni di casa che novanta secondi più tardi trovano il colpo del ko sempre ad opera del numero 9 rossoblù che anticipa Talamonti e devia in rete il cross di Cossu.

Sotto di due reti l’Atalanta prova a reagire, Cristiano Doni dopo un buon inizio cala vistosamente ma al 42′ firma la migliore occasione di tutta la partita: punizione dai 25 metri, destro perfetto a giro all’angolo lontano che Marchetti in tuffo non riesce a deviare e viene salvato dal palo.

Quando tutti aspettano il riposo il Cagliari trova il colpo del ko e deve ringraziare l’arbitro Velotto. Il fischietto grossetano prima non fischia un fallo di Conti su Radovanovic a metà campo, sullo sviluppo dell’azione Peluso toglie nettamente il pallone dai piedi di Lazzari ma viene punito con il penalty: Matri insacca di potenza e Consigli è di nuovo battuto.

Nella ripresa, considerato il passivo e la costante emergenza aggravata anche dall’infortunio di Radovanovic, i nerazzurri ci provano più con il cuore che con la ragione: di grosse occasioni dalle parti di Marchetti non se ne vedono e se Tiribocchi, Guarente e Caserta ci provano senza pungere è il Cagliari che nel finale sfiora il 4-0 con la mezza rovesciata di Barone che Consigli salva in calcio d’angolo.

Cagliari – Atalanta  3 – 0

Marcatori: 32′ e 34′ Nenè(C), 44′ Matri su rigore(C)

Cagliari: Marchetti, Canini, Lopez, Astori, Agostini, Biondini (86′ Parola), Conti, Lazzari (75′ Barone), Cossu, Matri, Nenè (62′ Larrivey). All: Allegri

Atalanta: Consigli, Padoin, Talamonti, Peluso, Bellini, Madonna (66′ Layun), Radovanovic (50′ Caserta), Guarente, Valdes, Doni (62′ Ceravolo), Tiribocchi. All: Conte

Arbitro: Velotto di Grosseto

Fabio Gennari

Foppa inarrestabile, Despar Perugia battuta 3-0

La schiacciatrice della Foppa Lucia Bosetti BERGAMO -- Il rullo compressore rossoblù non si ferma più. Quarta giornata, quarta vittoria, primo ...

Conte: troppe tre gare in sette giorni per noi

Antonio Conte CAGLIARI -- La voce come al solito è rimasta sul campo. Nella ripresa però, le ...