iscrizionenewslettergif
Sport

Per Talamonti è solo questione di concentrazione

Di Redazione30 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Leonardo Talamonti

Leonardo Talamonti

ZINGONIA — Tutta questione di concentrazione. Dopo la sconfitta di Livorno, alla ripresa degli allenamenti è Leonardo Talamonti a presentarsi davanti ai giornalisti. Al rientro dal primo minuto dopo un periodo condizionato da alcuni acciacchi fisici, il centrale argentino commenta l’1-0 subito mercoledì in Toscana, pensa al Cagliari e dice la sua sul battibecco Conte – Doni.

Talamonti, un buon rientro il tuo rovinato dalla sconfitta..

Credo non meritassimo di perdere. Partita bloccata, pareggio in vista e poi l’episodio, l’infortunio di Andrea (Consigli, ndr) che ha causato il loro successo. In area eravamo in tanti, sono cose che possono succedere e che dimostrano come servono sempre 90 o 95 minuti di massima concentrazione: basta pochissimo e gli avversari di puniscono.

Il tuo duello con Lucarelli è stato uno dei più avvincenti. Sensazioni?

Sono uscito dal campo pieno di botte ma nel complesso dico che è andata bene. Penso di aver fatto una buona partita, forse nel finale il mio ritmo è calato ma dopo i problemi fisici è normale. Ho parlato con il mister, con i dottori e con il prof della mi condizione e tutti siamo d’accordo che per migliorare ho bisogno della partita. A Livorno ho giocato, spero di andar avanti su questa strada.

Appena rientrati, si riparte subito per Cagliari. Cercate un risultato positivo per muovere ancora la classifica?

Andiamo per fare la nostra partita, come sempre. Il mister vuole una squadra che cerchi di essere protagonista in casa e fuori e noi ci proveremo. Penso che a Livorno la prestazione abbia costretto gli avversari a giocare come volevamo noi, sul campo dei rossoblù proveremo a fare lo stesso.

Sabato prossimo al Comunale arriva la Juventus..

Una grande squadra che contro la Sampdoria ha vinto meritatamente segnando molti gol. Ci penseremo da lunedì, prima abbiamo questo impegno difficile a Cagliari e sarebbe sbagliato non pensarci.

La reazione di Doni al cambio ha fatto discutere. Negli spogliatoi è successo altro?

In campo tutti avete visto quello che è accaduto, lo spogliatoio è un luogo privato e quello che capita lì dentro deve rimanere una cosa del gruppo. Non devo essere io a parlare di questo, dovete chiedere ai diretti interessati ma l’unica cosa che mi sento di affermare è che non è successo niente di particolare.

Fabio Gennari

Atalanta, a Cagliari l’impresa non è impossibile

L'attaccante rossoblù Matri (foto  cagliaricalcio.it) BERGAMO -- Cagliari - Atalanta, dolci ricordi. Quella con i sardi nella passata stagione è ...

Comunale espugnato, l’Albinoleffe batte 2-0 il Gallipoli

La rete di Sala contro il Gallipoli (foto Mariani) BERGAMO -- Tanto tuonò che alla fine piovve. L'hanno invocata in molti, si è fatta ...