iscrizionenewslettergif
Mamme e Bimbi

Le coppie con figli vivono più felici

Di Redazione30 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I figli sono la chiave della felicità di una coppia

I figli sono la chiave della felicità di una coppia

Le coppie con figli sono più felici. E più sono i figli, più aumenta la felicità. A rivelarlo è uno studio dell’Università di Glasgow pubblicato sul Journal of Happiness Studies.  Per le persone sposate, e per le donne in particolare, la serenità coniugale aumenta con la nascita dei figli.

La ricerca è stata condotta prendendo in considerazione le caratteristiche individuali (quali lo stato civile, il sesso, l’età, il reddito e l’istruzione), smentendo precedenti studi che sostenevano il rapporto inversamente proporzionale tra numero di figli e soddisfazione per la vita.

L’ormai superata teoria secondo cui “crescere dei figli comporta più doveri che piaceri è una spiegazione piuttosto semplicistica” afferma Luis Angeles, docente dell’Università di Glasgow. Dal sondaggio risulta che al primo posto delle cose importanti della vita ci sono sempre e solo i figli. Diversamente le esperienze negative nella crescita dei figli sono segnalate più spesso da persone separate, dai conviventi, dai single o che non sono mai state sposate.

Per le persone non sposate, l’educazione dei figli ha poco o nessun effetto positivo sulla loro felicità. Come ha sottolineato il Prof. Angeles “i bambini migliorano la vita delle persone quando queste si sentono pronte o almeno disposte a diventare genitori. Questa maturità può arrivare in momenti diversi a seconda degli individui, ma probabilmente l’atto di matrimonio è un segnale di questo cambiamento”.

Mangiare durante il travaglio fa bene

Mangiare durante il travaglio fa bene Uno spuntino durante il travaglio non solo è concesso, ma farebbe addirittura bene. Secondo una ...

Più verdura per proteggere il feto dal diabete

I vegetali proteggono il piccolo dal diabete La verdura fa bene a tutte le età. Ma fa ancora meglio quando si è ...