iscrizionenewslettergif
Isola

La Mazzucconi chiede il concordato preventivo

Di Redazione29 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La crisi dell'auto mette nei guai le fonderie

La crisi dell'auto mette nei guai le fonderie

PONTE SAN PIETRO — La crisi economica mostra tutta la sua virulenza. Anche la Maberfin, holding che controlla le fonderie Mario Mazzucconi di Ponte San Pietro, Rono di Almenno San Bartolomeo, Tekal Chieti e Fonderie San Possidonio, ha presentato domanda di ammissione al concordato preventivo per assicurare la continuità all’azienda.

Già da marzo il gruppo era impegnato in una profonda ristrutturazione finanziaria. Ma un ulteriore calo dei volumi produttivi e del mercato ha spinto per una richiesta di concordato preventivo. Il fatturato del gruppo è sceso dai 170 milioni del 2007 ai 120 del 2008 con la prospettiva di scendere ulteriormente a 75 quest’anno.

Il gruppo produce soprattutto testate per motori diesel. La mancanza di incentivi in questo specifico settore, la crisi dell’auto e la decisione della Fiat di girare i suoi ordini alla Teksid comprata di recente hanno fatto il resto.

La proposta contenuta nella domanda di concordato prevede il pagamento integrale dei debiti privilegiati (18 milioni di euro) e fino al 70 per cento dei debiti non assistiti da garanzia (88 milioni) verso Credito Bergamasco, Popolare di Bergamo, Intesa Sanpaolo, Unicredit e Bnl.

Il gruppo è indebitato per 106 milioni di euro, ma ha un attivo di 126 milioni. Di questi 80 derivano dagli immobili, 20 dal valore del magazzino e 26 da crediti.

Le risorse per il pagamento dei creditori saranno recuperate secondo un piano stilato dal gruppo, che prevede anche la cessione di immobili non strategici e non funzionali all’attività produttiva.

Il gruppo elaborerà un piano di investimenti di 20 milioni per impianti e macchinari, legato anche a nuove importanti commesse per Bmw che porterà ricavi aggiuntivi per 30 milioni di euro annui.

Colpito alla testa da un tronco: muore pensionato di Cisano

L'elicottero del 118 CISANO -- Sarebbe morto per eccessiva generosità. Ferdinando Rota Conti, un pensionato di 69 anni ...

Ambivere inquinata, il Comune distribuisce mascherine antismog

Mascherine contro lo smog AMBIVERE -- Decisione clamorosa del sindaco di Ambivere Silvano Donadoni, che guida una lista civica ...