iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Politica

Presentata l’adunata degli Alpini. Tentorio: sarà un evento da ricordare

Di Redazione27 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La presentazione dell'adunata nazionale alpini

La presentazione dell'adunata nazionale alpini

BERGAMO — “Sarà un grande impegno corale, ma siamo convinti che l’adunata degli alpini a Bergamo diventerà un evento da ricordare”. Lo sostengono tutti i protagonisti di quello che si annuncia come l’evento dell’anno per la città e la provincia. L’enorme macchina organizzativa messa in campo da Palafrizzoni, via Tasso e Associazione nazionale alpini (Ana) sta cominciando ad andare a regime in vista del raduno del prossimo 7, 8 e 9 maggio a Bergamo.

“E’ con grande orgoglio e soddisfazione che la città si prepara ad ospitare la grande manifestazione degli alpini” ha detto il sindaco di Bergamo Franco Tentorio, nella conferenza stampa di presentazione che si è tenuta nel primo pomeriggio a Palazzo Frizzoni. “Il nostro obiettivo, insieme a tutte le istituzioni coinvolte e all’Ana, è quello di far fare bella figura alla nostra città”.

“Una città vicina per ideali, forza e carattere agli alpini – ha aggiunto il vicesindaco Gianfranco Ceci -, per questo teniamo particolarmente a questa manifestazione”. Anche perchè i numeri saranno davvero colossali. Le previsioni dicono che in città e provincia arriveranno qualcosa come 400mila persone. E per metterle tutte a proprio agio serve una macchina organizzativa perfettamente oliata ed efficiente, come peraltro è quella degli alpini. “Stiamo lavorando su questa manifestazione dall’ottobre dell’anno scorso – ha detto il presidente dell’Ana di Bergamo Antonio Sarpi -, abbiamo creato 34 gruppi di lavoro che hanno il compito di seguire 34 diversi aspetti dell’evento”. Solo l’Ana ha messo a disposizione un centinaio di persone. Il Comune ha al lavoro sull’evento sei assessorati, dirigenti e relativi assessori: Ceci, Saltarelli, Minuti, Bandera, Invernizzi e Sartirani, più l’ex presidente del consiglio comunale Marco Brembilla in qualità di portavoce del centrosinistra. La Provincia è impegnata con il presidente Ettore Pirovano, con gli assessori Fausto Carrara, Giovanni Milesi e il delegato Vavassori oltre che una schiera di funzionari.

Il programma della manifestazione prevede tre giorni intensissimi, con concerto delle fanfare alpine e paracadutisti allo stadio il sabato, una serata di gala sempre per sabato al Donizetti. Ma il momento più atteso sarà certamente quello della sfilata di domenica dalle 9. Sono previste due tribune da 1200 e 1700 posti in Piazza Vittorio Veneto e gradoni per 3000 persone in viale Papa Giovannni XXIII.

Quattro le aree a disposizione per il concentramento, l’accoglienza e i servizi logistici. Trentamila metri quadrati nella zona degli Itis, altri 100mila nella zona del Lombardini di proprietà delle Cliniche Gavazzeni, 70mila metri quadrati alla Trucca, un padiglione e tutta l’area esterna della Fiera Nuova. Altri luoghi di supporto al Palasport, al Centro Sportivo Italcementi. A disposizione anche 21 palestre in città.

Il pernottamento avverrà nelle 4 aree, in case private, hotel e alberghi (a Selvino si registra già il tutto esaurito), oratori, camper e roulotte. Saranno vietati bivacchi nelle aiuole, parchi e spazi verdi pubblici. I cittadini saranno invitati a tenere le auto nei parcheggi condominiali per evitare intasamenti, e esporre il tricolore sulle terrazze.

Palafrizzoni: l’aeroporto infiamma il consiglio comunale

Lo sviluppo dell'aeroporto ha infiammato il consiglio comunale BERGAMO -- All'improvviso il pubblico presente si è alzato in piedi e ha abbandonato l'aula ...

La Provincia lancia il “tavolo di coordinamento” per l’Expo

La sede della Provincia di Bergamo in via Tasso BERGAMO -- Un tavolo di coordinamento, un unico organismo a cui presentare progetti che verranno ...