iscrizionenewslettergif
Poesie

“Meriggiar pallido e assorto” di Eugenio Montale

Di Redazione27 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d’orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe del suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com’è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

“Amo in te” di Nazim Nikmet

RomanticAmo in te l'avventura della nave che va verso il polo amo in te l'audacia dei giocatori delle ...

“I miei pensieri” di Rabindranath Tagore

amantii1eh0Hai colorato i miei pensieri e i miei sogni, come gli ultimi riflessi della tua gloria, Amore, trasfigurando la mia vita per la ...