iscrizionenewslettergif
Sport

Attenta Atalanta, il Parma sta facendo grandi cose

Di Redazione22 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'attaccante bulgaro del Parma Bojinov

L'attaccante bulgaro del Parma Bojinov

BERGAMO — E’ una di quelle partite che sulla carta molti tifosi considerano già vinta. Il ragionamento, più o meno, funziona così. “Abbiamo sbancato a Udine con fuori mezza squadra, vuoi che non superiamo il Parma in casa? Sono una neopromossa e di fenomeni non ne hanno”.

Atalanta-Parma, invece, sarà tutta un’altra storia. Antonio Conte lo ha già dichiarato nella conferenza stampa al miele di martedì, dopo l’impresa friulana le sue parole a qualcuno sono sembrate fin troppo prudenti ma nessuno deve dimenticarsi che lui è uomo di campo e non sono i nomi o le tabelle a condizionarlo.

Forte di una classifica inimmaginabile ad agosto, la formazione gialloblù si è resa protagonista di un avvio di stagione davvero positivo: con quattordici punti il Parma è in piena zona Europa League ed anche se l’obiettivo rimane la salvezza sono i numeri a confermare l’ottimo momento.

Con quattro vittorie in otto partite, meglio hanno fatto solo Inter e Sampdoria, la squadra di Guidolin ha dimostrato come cerchi di giocarsi sempre le sue chances: il quinto posto in classifica davanti a squadre come Genoa, Roma e Milan conferma quanto l’inizio di stagione sia stato positivo ed anche i risultati fin qui ottenuti sono di tutto rispetto.

L’unica sconfitta esterna è arrivata sul campo dell’Inter, in mezzo ai pareggi di Udine (2-2) e Genova contro la Sampdoria (1-1 con i blucerchiati fortemente penalizzati dall’arbitro bergamasco Mazzoleni)  è arrivato il successo per 2-1 in casa della Lazio che poteva avere dimensioni ben diverse per quanto creato dalla formazione del patron Ghirardi.

Il tecnico veneto conta su un gruppo omogeneo, giovani e giocatori esperti si sono integrati molto bene in una squadra che non ha eccellenze. Con due reti i bomber sono Galloppa, Paloschi e Bojnov, in totale i gol realizzati sono nove così come quelli subiti mentre lontano da Parma i gialloblù ne hanno incassati sei in quattro apparizioni.

Domenica al Comunale è prevedibile una partita poco spettacolare, Panucci guiderà una difesa a cinque con Lucarelli e Zaccardo pronti a incrociare Tiribocchi e Doni: pochi spazi, tanti giocatori dietro la linea della palla ed un centrocampo di quantità dove spetterà a Galloppa, Dzemaili e Morrone combattere contro Guarente e De Ascentis.

In avanti Bojinov e Amoruso dovrebbero essere i titolari, non è escluso però che Guidolin scelga solo uno dei due cui affiancare Lanzafame con compiti di raccordo a centrocampo.

L’Atalanta molto probabilmente sarà la stessa di Udine, Manfredini non recupera e Talamonti se ce la fa sarà solo per la panchina: gli uomini chiave potrebbero essere Valdes e Padoin sugli esterni, saltare l’uomo contro una difesa così imbottita sarà fondamentale ed anche Cristiano Doni dovrà armarsi di tanta pazienza e stare attento alle caviglie.

Nessuno si illuda quindi, a meno di una grande impresa con un paio di gol nei primi minuti la partita sarà molto difficile e l’obiettivo deve essere ancora una volta quello di far punti attraverso il gioco: se fossero tre la rinascita sarebbe quasi completa.

Fabio Gennari

Luca Messi torna sul ring con il titolo in testa

Luca Messi e l'assessore allo sport del comune di Bergamo Cottini (foto Mariani) BERGAMO -- Luca Messi ci prova ancora. Il pugile bergamasco salirà sul ring sabato 24 ...

Atalanta in allarme: Doni in forse per domenica

Cristiano Doni ZINGONIA -- Cristiano Doni è in dubbio per la sfida di domenica con il Parma. ...