iscrizionenewslettergif
Economia

Tremonti elogia il posto fisso: è la base per progetti di vita

Di Redazione20 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giulio Tremonti

Giulio Tremonti

MILANO — La classica frase che non ti aspetti da un ministro dell’Economia. Eppure il tanto contestato Giulio Tremonti ha dimostrato per l’ennesima volta di essere uno degli economisti più illuminati d’Europa, sfidando il mainstream, la tendenza comune. Cosa avrebbe detto il ministro di tanto spinoso? Che il posto fisso è la base sulla quale costruire un progetto di vita e la famiglia, in quanto la mobilità lavortiva non è un valore di per sé.

Il ragionamento è quanto mai azzeccato in un periodo come questo. “Non credo che la mobilità di per sé sia un valore, penso che in strutture sociali come la nostra il posto fisso è la base su cui organizzare il tuo progetto di vita e la famiglia – ha affermato Tremonti -. La variabilità del posto di lavoro, l’incertezza, la mutabilità per alcuni sono un valore in sé, per me onestamente no – ha aggiunto il ministro -. C’è stata una mutazione quantitativa e anche qualitativa del posto di lavoro, da quello fisso a quello mobile. Per me l’obiettivo fondamentale è la stabilità del lavoro, che è base di stabilità sociale».

“Questo Paese ha meno bisogno della cogestione e più bisogno della compartecipazione da parte dei lavoratori nelle imprese – ha proseguito il ministro-. La cogestione, come nascita di figure imprenditoriali miste, mi sembra meno positiva, mentre credo sia più positiva l’informazione sulla gestione dell’impresa. Il meccanismo compartecipativo può anche avere forme diverse. Per esempio, un favore fiscale sulla detassazione degli straordinari”.

Crisi a Bergamo: diecimila posti perduti. L’analisi e le proposte dei sindacati

Le bandiere dei sindacati La crisi che sta attraversando il nostro territorio impone l’esigenza di ricercare tutte le strade ...

Posto fisso: Berlusconi sta con Tremonti, industriali sul piede di guerra

Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti Come ha ribadito lui stesso, ha detto un'ovvietà. O, se la si vuol vedere in ...