iscrizionenewslettergif
Scuola

Tre master per dirigenti, mediatori e insegnanti

Di Redazione16 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La sede universitaria di via dei Caniana

La sede universitaria di via dei Caniana

Il Cqia (Centro per la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento) dell’Università di Bergamo, diretto da Giuseppe Bertagna, propone tre percorsi post lauream per preparare dirigenti scolastici, mediatori dell’interculturalità e insegnanti di sostegno.

Il master di II livello in “Dirigenza per le scuole”, le cui iscrizioni si chiuderanno il 5 novembre 2009, si propone di fornire una risposta qualificata alle esigenze di formazione pedagogica, manageriale, gestionale, tecnico-culturale e didattica avvertite da coloro che esercitano o intendono prepararsi per esercitare la funzione di dirigente per le scuole del sistema di istruzione e di formazione del nostro paese. Il principio fondamentale da cui questo master nasce, infatti, è costituito dall’autonomia delle istituzioni scolastiche, unica condizione che permette un’adeguata valorizzazione istituzionale e organizzativa della sussidiarietà. Come spiega il prof. Bertagna, si tratta di superare, perciò, la figura professionale del «preside», tipica della stagione dello statalismo gerarchico durato fino agli novanta del secolo scorso e pure quella del «dirigente scolastico» inteso come dirigente di una struttura uniforme sul piano istituzionale (la «scuola») e geografico nazionale (voluta dalle inerzie della vecchia logica centralistica). Grazie alla svolta del Titolo V e della legge n. 53/03, al contrario, si tratta di mirare alla professionalità di un «dirigente per le scuole»: scuole, non scuola, a testimonianza della pluralità e dell’autonomia che deve accompagnare questo fondamentale servizio nazionale, pur all’interno delle norme generali stabilite dalla Repubblica.

Il master di II livello in “Professione docente e disabilità”, le cui iscrizioni si chiuderanno il 25 novembre 2009, si pone nella prospettiva di anticipare, grazie al sistema del riconoscimento dei Cfu, grazie ad qualificato modello pedagogico, organizzativo e didattico, l’anno di formazione specifica per diventare docenti di sostegno che il Miur dovrebbe varare nell’anno scolastico 2010-2011. Per questo il Master, oltre che per i docenti di sostegno e ordinari, è particolarmente indicato:

a) per gli abilitati Sis non di ruolo che non hanno ancora acquisito l’abilitazione al sostegno e che intendono anticipare questa possibilità;

b) per i supplenti con 360 giorni di servizio non ancora abilitati, ma che intendono acquisire l’abilitazione partecipando alle selezioni riservate per l’anno di tirocinio che sostituirà le Sis, selezioni riservate previste nel recente regolamento Gelmini sulla formazione iniziale dei docenti: questi supplenti, una volta concluso l’anno di tirocinio potranno far valere i crediti acquisiti nel Master per ottenere con maggiore celerità il titolo anche per il sostegno; in questo modo, vista la scarsità di docenti di sostegno abilitati, si aggiudicano anche un canale preferenziale per l’entrata in ruolo;

c) per i laureati specialisti che, volendo insegnare, intendono concludere quanto prima sia l’anno di tirocinio per l’abilitazione sia l’anno ministeriale per l’abilitazione al sostegno.

Il terzo Master è invece di I livello ed è dedicato al tema: “Tra identità e alterità: percorsi, contenuti e metodi per la mediazione culturale”. Le iscrizioni a questo Master si chiuderanno il 15 gennaio 2010. Esso risponde all’esigenza strategica di formare persone professionalmente preparate a mediare in maniera costruttiva l’incontro linguistico, culturale ed educativo tra i migranti, i cittadini italiani ed i professionisti che prestano servizio nelle diverse istituzioni (docenti, dirigenti, operatori sociali, giudici, educatori, medici, infermieri, responsabili delle strutture organizzative aziendali). L’attuale contesto socio politico italiano, infatti, rischia di ridurre l’incontro con  gli stranieri a momenti di emergenza, vanificando qualunque sforzo pedagogico per trasformare la multiculturalità in interculturalità.  Alla già interessante proposta è aggiunta la possibilità di perfezionarsi nelle competenze linguistiche di base delle principali lingue comunitarie e extra comunitarie (arabo, cinese, spagnolo, portoghese, russo).

Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio Corsi post lauream tel. 0352052467/468/604/605, e-mail: master@unibg.it

Precari, graduatorie e nuovi emendamenti

Novità in vista per i precari La commissione lavoro della Camera ha dato il via libera ad alcuni emendamenti da inserire ...

Consulta: 44mila studenti chiamati al voto

Studenti bergamaschi in Presolana Sono oltre 44mila gli studenti delle scuole superiori di Bergamo e provincia, statali e paritarie, ...