iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, il pericolo è Di Natale. Acquafresca fuori un mese

Di Redazione15 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
il bomber dell'Udinese Antonio di Natale

il bomber dell'Udinese Antonio di Natale

BERGAMO — E’ inutile spendere troppe parole su tattica e movimenti. Udinese-Atalanta, incontro in programma domenica pomeriggio alle ore 15 allo stadio Friuli, è prima di tutto una tappa importante sia per la risalita in classifica che per la crescita del progetto Conte. Numeri alla mano, il problema più grosso che si troveranno ad affrontare Consigli e compagni ha nome e cognome: Antonio Di Natale.

Il bomber partenopeo, leader della formazione bianconera e della nazionale italiana, guida la classifica dei cannonieri di serie A con ben 9 centri in 7 gare e la media incredibile di una rete ogni 74′ minuti, recuperi compresi.

Dopo la partenza di Quagliarella, il tecnico Pasquale Marino ha iniziato la stagione con l’altro napoletano Floro Flores come titolare vicino a Pepe e Di Natale: domenica il giovane centravanti sarà squalificato e in attacco dovrebbe essere impiegato Bernardo Corradi, vecchio pallino di Del Neri che a quanto si dice è stato al centro dei primi screzi tra l’ex tecnico e la società nerazzurra.

Senza Isla e Obodo, sicuri assenti contro l’Atalanta, l’Udinese scenderà in campo con la consueta trazione anteriore. Sanchez, D’Agostino e Inler sono centrocampisti più portati ad attaccare che a difendere ed al di là delle considerazioni squisitamente tecniche sono ancora una volta i numeri a parlar chiaro: le reti subite dai bianconeri sono nove, tante quante quelle dei nerazzurri.

Il dato non deve ingannare, i friulani in casa hanno subito solo quattro volte i gol avversari ne hanno realizzate ben nove su undici e soprattutto non hanno mai perso ottenendo tre vittorie contro Catania, Milan e Genoa.

Sicuramente sarà una partita difficile, Conte ha problemi di formazione in tutti i reparti. Dietro Talamonti non è al meglio, Manfredini soffre per un problema al tendine e Pellegrino e Peluso non offrono garanzie pari a quelle dei titolari.

Il rebus di centrocampo, Acquafresca fuori un mese per lo stiramento al soleo e come se non bastasse pure il divieto di trasferta imposto ai tifosi atalantini: alla classifica servono punti, nonostante le tante difficoltà è doveroso provarci. Sempre.

Fabio Gennari

Atalanta, De Ascentis torna da guerriero: qui per dare una mano

Diego De Ascentis in azione ZINGONIA -- Che tipo di giocatore è lo sappiamo tutti. Vederlo dietro al bancone delle ...

Foppa, si parte: presentate le regine d’Europa

Enrica Merlo e Francesca Piccinini durante la presentazione (foto Mariani) CURNO -- Di presentazioni, questa squadra, non ne ha proprio bisogno. Sette campionesse d'Europa con ...