iscrizionenewslettergif
Provincia

Contratto scaduto da 4 anni: lavoratori della sanità privata in piazza

Di Redazione14 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I lavoratori della sanità privata incrociano le braccia

I lavoratori della sanità privata incrociano le braccia

BERGAMO — Con un contratto nazionale scaduto da 4 anni, ora scelgono la via del presidio di protesta: sono i lavoratori della sanità privata delle aziende aderenti all’associazione Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata.

In Lombardia il rinnovo riguarda 30mila persone, a Bergamo e in provincia circa duemila e 500 al lavoro alle Cliniche Humanitas Gavazzeni di Bergamo, al Policlinico San Marco di Zingonia, al policlinico San Pietro a Ponte San Pietro, alla Clinica Quarenghi di San pellegrino, alla Casa di riposo Caprotti-Zavaritt di Gorle, alla Clinica Castelli di Bergamo e alla Casa di cura Habilita di Zingonia.

Per rivendicare il diritto ad avere un contratto rinnovato parteciperanno al presidio organizzato per venerdì prossimo, 16 ottobre, dalle ore 15 alle 18 a Bergamo, in Piazza Matteotti. Fp-Cgil, Cils-Fp, Uil-Fpl nazionali a settembre hanno lanciato unitariamente l’iniziativa di un “pre-accordo” sul contratto nazionale da far sottoscrivere azienda per azienda e da ritenersi valido sino alla firma del contratto nazionale.

“Il mese scorso in tutta Italia abbiamo chiesto alle aziende aderenti Aiop di sottoscrivere questo tipo di pre-contratti, visto che l’Aiop nazionale si rifiutava di farlo” spiegano Luisa Carminati della Fp-Cgil, Elena Colombo della Cisl-Fp e Antonio Montanino della Uil-Fpl di Bergamo. “Nella nostra provincia sono circa tremila lavoratori che assicurano prestazioni e servizi sanitari di qualità ed eccellenza con gli stipendi fermi da 4 anni. I datori di lavoro bergamaschi spesso hanno ribadito la loro assoluta disponibilità al rinnovo contrattuale, ma ci siamo sempre sentiti dire che ‘la firma non dipendeva da loro’. Per questo, per evitare rimpalli di comodo, prendendoli in parola, abbiamo chiesto loro di sottoscrivere un pre-contratto nazionale in sede aziendale”.

Il problema, però, è che mentre in altre regioni alcuni datori di lavoro hanno firmato il pre-accordo, “la maggior parte delle aziende della provincia di Bergamo non ci hanno fatto pervenire nemmeno una riga di risposta alla richiesta inviata” continuano i sindacalisti. “Le aziende bergamasche associate ad Aiop si ricordino, però, che ricevono dalla Regione Lombardia risorse economiche pubbliche rivalutate con il sistema degli accreditamenti per le prestazioni ed i servizi sanitari erogati e che per raggiungere gli standard previsti da tali accreditamenti hanno bisogno della qualità e dell’eccellenza garantite dai loro dipendenti. I lavoratori, dunque, hanno tutto il diritto di vedersi rinnovare un contratto di lavoro scaduto da 4 anni“, concludono i sindacati.

La Regione stanzia 10 milioni per la sostituzione delle auto inquinanti

La sede della Regione Lombardia MILANO -- La Regione Lombardia ha dato il via libera ai finanziamenti per la sostituzione ...

Abusi sessuali a scuola su una 12enne disabile: i Carabinieri indagano

Le indagini dei Carabinieri sono tuttora in corso BERGAMO -- Non c'è mai fine all'orrore e, permetteteci, qualora la vicenda fosse accertata ...