iscrizionenewslettergif
Spettacoli

Presentato il Giocarteatro per le famiglie

Di Redazione13 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Arriva il teatro per le famiglie

Arriva il teatro per le famiglie

Si è tenuta questa mattina al Teatro San Giorgio di Bergamo la presentazione della terza edizione di Giocarteatro, la rassegna di spettacoli per famiglie organizzata da Pandemonium Teatro e Teatro Prova.

L’incontro, introdotto dal direttore artistico di Teatro Prova Silvia Barbieri, ha visto la partecipazione dell’attrice e regista del Pandemonium Teatro Lisa Ferrari, del presidente della Quarta Commissione consiliare del Comune di Bergamo Enzo De Canio, e del direttore della Fondazione della Comunità Bergamasca, ente sostenitore della manifestazione, Maria Bellati.

“Ritengo importante, alla partenza di una nuova stagione, che ha tra le sue principali attività la programmazione di spettacoli per famiglie, interrogarsi sul significato di questa proposta e sul perché sia così importante promuoverla” ha detto la Ferrari. “Le ragioni sono essenzialmente due: da un lato il teatro, offrendo stimoli visivi ed emozionali che aprono la mente, si pone sempre più come essenziale forma culturale alternativa al modello televisivo, omologante e semplificativo nel linguaggio e nei contenuti. Il Teatro Ragazzi inoltre, quando è di qualità, piace a tutti, grandi e piccoli, e contribuisce ad unire le generazioni creando momenti di condivisione formanti ed irripetibili”.

Enzo De Canio, portando il saluto dell’Assessore Claudia Sartirani, ha confermato che “l’amministrazione comunale, inclusa la Commissione Cultura, che svolge anche funzioni propositive oltre che di controllo, in rapporto alle risorse disponibili si impegnerà a garantire una più marcata attenzione al Teatro Ragazzi, in ragione soprattutto delle sue funzioni educative delle nuove generazioni e ricostitutive delle relazioni nell’ambito della famiglia

“La motivazione che ci ha spinto a sostenere questa iniziativa – ha aggiunto la Bellati – risiede non solo nei comprovati meriti artistici delle due compagnie, ma soprattutto nella funzione sociale che tale attività svolge, in particolare nell’ambito territoriale in cui opera: un quartiere, quello di via Quarenghi, interessato da molti problemi sociali ed in cui è indispensabile mantenere viva una proposta culturale di qualità, che crei aggregazione e coesione”.

Al Donizetti arriva l’Elisir d’amore

Gaetano Donizetti Secondo appuntamento con il più celebre compositore bergamasco di sempre: Gaetano Donizetti. Venerdì prossimo, nell'ambito ...

E’ morto Bruno Pizzul: ma è una bufala in rete

Bruno Pizzul Mentre lo davano per morto, stava giocando a scopa. Era una "bufala" diffusa con macabro ...