iscrizionenewslettergif
Bergamo

Daspo per altri 8 ultrà: stadio vietato al Bocia per 5 anni

Di Redazione9 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Scontri fuori dallo stadio

Scontri fuori dallo stadio

BERGAMO — La notizia girava già da qualche giorno, come indiscrezione, in ambiente giornalistico. Ora arriva la conferma direttamente dal tribunale: altri 8 ultrà dell’Atalanta sono stati raggiunti da Daspo, ovvero il divieto di accedere alla manifestazioni sportive. Fra di loro anche il Bocia, al tempo Claudio Galimberti, capo della tifoseria della curva Nord.

La notizia non è ancora stata ufficializzata dalla questura. Tuttavia i documenti sono già nelle mani del giudice per le indagini preliminari.

I Daspo sono stati firmati dal questore in seguito ai disordini prima e dopo la partita Atalanta-Catania dello scorso 23 settembre.

Le diffide sono già state notificate agli ultrà nerazzurri. Contemporaneamente sono partiti analoghi provvedimenti per una cinquantina di tifosi del Catania, venuti in trasferta a Bergamo. Se ne occuperà la questura del capoluogo siciliano.

Sul versante nerazzurro, al «Bocia» è stato inflitto il divieto massimo previsto dalla normativa dei Daspo. Galimberti dovrà restare cinque anni lontano dagli stadi, con obbligo di presentazione alle forze dell’ordine in occasione delle partite.

Volantino Fiom-Cgil scatena la bagarre fra i sindacati

Il volantino della discordia BERGAMO -- Un volantino diffuso nelle scorse ore dalla Fiom-Cgil di Bergamo sta scatenando un ...

Bresciani (Cgil): volantino Fiom inaccettabile, ma…

Il segretario provinciale della Cgil Luigi Bresciani BERGAMO -- Il leader della Cgil bergamasca Luigi Bresciani risponde alle sollecitazioni di Cisl e ...