iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Sport

Le pagelle: Doni e Tiribocchi da applausi

Di Redazione4 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Doni e Tiribocchi dopo l'1-0 (foto Mariani)

Doni e Tiribocchi dopo l'1-0 (foto Mariani)

BERGAMO – Troppo facili le pagelle dopo una partita come quella contro il Milan. Guardando impegno e applicazione sarebbero da premiare tutti, c’è ancora qualcuno che può migliorare ma questa Atalanta ha preso la strada giusta.

Consigli 7: Disoccupato nel primo tempo, spesso decisivo nella ripresa. La deviazione su Pato è da campione, quella su Ronaldinho anche. Subisce l’1-1 ad una manciata di minuti dal novantesimo ma non poteva proprio farci nulla.

Garics 6: Meriterebbe qualcosa in più, fino all’ 83’ la sua è una gara ampiamente sufficiente. Però è lui che si lascia sfuggire Ronaldinho, l’occasione risulta decisiva. Stà tornando lo stantuffo di un tempo.

Pellegrino 6,5: Alla prima da titolare non sfigura. Qualche automatismo va migliorato ma dalle sue parti non passi senza problemi. Tenace, a volte perfino rude in marcatura. Esordio dal primo minuto sicuramente positivo.

Manfredini 7: Thomas il grande è tornato. Per la prima volta il mastino nerazzurro gioca ai livelli della passata stagione, Huntelaar non è un fenomeno ma contro di lui fa davvero una magra figura. Strepitoso l’anticipo in spaccata subito dopo la traversa di Pato.

Bellini 7,5: A quelli di Sky forse servono volti famosi per la premiazione del migliore in campo. Paolo da Sarnico corre 95’ minuti come un dannato, chiude e riparte lanciandosi spesso solo contro tutti quando i compagni nel finale non ce la fanno più. Quel pallone alla fine andava calciato, l’assist per Padoin dimostra il suo altruismo.

Padoin 7: I cross più pericolosi al centro dell’area sono suoi. Nell’azione del gol recupera palla, la scarica indietro e si propone andando poi a rifinire per Doni e Tiribocchi. Ogni partita che passa diventa sempre più indispensabile.

Guarente 6: Temperamento e voglia sono quelli giusti, il piede ancora no. Il miglior Guarente avrebbe pescato di prima Ceravolo alle spalle di Favalli in pieno recupero: dettagli importanti in un finale così tirato.

Radovanovic 6: Media aritmetica tra il 7 per la sua prova e il 5 per la sua ingenuità. Schierato a sorpresa dall’inizio, morde qualsiasi caviglia gli passi vicino, recupera tanti palloni e dimostra di meritare fiducia. Il rosso è esagerato, lui poteva stare più attento soprattutto dopo la prima ammonizione.

Valdes 6: Parte bene con una pennellata di sinistro al volo che sfiora l’incrocio, nel resto della gara punta gli avversari senza problemi ma riesce raramente e superarli. Se cresce fisicamente la sua inventiva sarà molto preziosa. (78′ Peluso sv)

Doni 7,5: Altra cartolina per chi lo definisce bollito. Scadere del primo tempo, dopo un angolo del Milan il capitano riparte e si trascina quattro avversari per 80 metri guadagnando un angolo. Oltre a questo tanti palloni giocati, tocchi mai banali ed un cuore enorme. Esce abbattuto da Gattuso. (60′ Caserta 6:entra a freddo e cerca di impostare le ripartenze pur non avendo riferimenti avanzati. Un tiraccio nel recupero meritava miglior fortuna.)

Tiribocchi 7,5: Due gol nelle ultime due gare, sponde preziose per i compagni ed una media realizzativa invidiabile rispetto alle occasioni avute. Avesse segnato il raddoppio su quella semi rovesciata appena prima del riposo gli avrebbero fatto un monumento. (55′ Ceravolo 5,5: La sua velocità contro i “vecchietti” Favalli e Nesta poteva essere decisiva. Fumoso e poco concreto, sbaglia malamente il disimpegno da cui nasce la rete del pareggio).

Conte 6,5: Sta’ tirando fuori il massimo da un gruppo che fisicamente è lontano anni luce dai ritmi che vuole. La mossa Ceravolo per Tiribocchi dimostra che ha stoffa, non guarda ai nomi ma valuta gli allenamenti della settimana: Radovanovic dall’inizio è una sorpresa assoluta per tutti.

Fabio Gennari

Conte: ho visto quanto i ragazzi tengono a questa maglia

Mister Antonio Conte (foto Mariani) BERGAMO – Ci sono partite che ingrassano la classifica ma nascondono i problemi. Altre in ...

Pallavolo: l’Italia targata Foppa è campione d’Europa

Esplode la gioia: l'Italia del volley femminile è campione d'Europa LODZ, Polonia -- L'Italia femminile è campione d'Europa di pallavolo. Le azzurre, in buona parte ...