iscrizionenewslettergif
Sport

Per l’Atalanta un mare di fatica, la Colognese è battuta 4-0

Di Redazione1 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Robert Acquafresca, per lui una doppietta

Robert Acquafresca, per lui una doppietta

ZINGONIA – Un’amichevole infrasettimanale? Macchè, una spremuta di muscoli! Atalanta – Colognese, terminata 4-0 con doppietta di Aquafresca e reti di Tiboni e Tiribocchi, è soltanto il contorno. Il piatto forte del pomeriggio nerazzurro a Zingonia è una bella razione di ripetute e test atletici, sicuramente inaspettate per i giocatori e per tutti i presenti.

Giampiero Ventrone e Antonio Conte, il braccio e la mente. Il primo ha guidato dalla panchina la prima frazione di gioco, nella ripresa invece si è schierato sulla fascia opposta distribuendo indicazioni, suggerimenti e correttivi per tutti i suoi ragazzi.

Il preparatore non ha fatto altro che confermare la fama che lo accompagna. I primi quarantacinque minuti passati vicino al computer controllando il cardiofrequanzimetro di alcuni dei suoi ragazzi è servito a lui per immagazzinare dati e profili.

Le ripetute lungo la fascia laterale cui sono stati sottoposti Madonna, Valdes, Padoin, Guarente e Acquafresca abbatterebbero chiunque. A gruppi tutti i giocatori sostengono lo stesso lavoro, la fatica è dipinta sui loro volti e la sensazione forte è quella di un mister che è ripartito da capo.

Il lavoro atletico, la durata degli allenamenti mai inferiore alle tre ore e l’intensità che viene richiesta potrebbe sembrare eccessiva a questo punto della stagione. E’ evidente però che tutto viene fatto con l’obiettivo di recuperare, di migliorare, di aumentare la tenuta atletica dei protagonisti.

Guardando gli schieramenti iniziali, sempre con le dovute cautele, è facile ipotizzare l’undici che domenica giocherà contro il Milan. Consigli in porta, Garics, Bianco, Manfredini e Bellini in difesa. Madonna, Guarente, Padoin e Valdes a centrocampo con Acquafresca e Tiribocchi in attacco.

E Cristiano Doni? Il capitano merita un discorso a parte, nelle amichevoli difficilmente viene schierato dal primo minuto o comunque insieme ai “titolari”. Saranno lui ed Acquafresca a giocarsi una maglia vicino a Tiribocchi e la sensazione, considerando anche i grossi carichi di lavoro proposti, è che nessuno parta in vantaggio.

Uno è giovane e vuole esplodere, l’altro è una garanzia ma bisogna verificarne la tenuta. Talamonti, Barreto e Ferreira Pinto sono ancora ai box, domenica non ci saranno.

Venerdì altra doppia seduta, sabato rifinitura e poi sarà Atalanta-Milan. Finalmente.

Fabio Gennari

Coraggio Atalanta, questo Milan non fa paura

Filippo Inzaghi, il pericolo numero uno del Milan BERGAMO – Questo Milan non fa paura, giocando con intensità e attenzione si può vincere. Nessun ...

Cho Oyu: Simone Moro torna a casa, sconfitto dai divieti cinesi

Simone Moro al Batura II KATHMANDU, Nepal -- Il sogno di Simone Moro di arrivare sulla vetta del Cho Oyu, ...