iscrizionenewslettergif
Politica

Accordo con i privati: giù le altezze delle Torri Sace

Di Redazione1 ottobre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Andrea Pezzotta e Franco Tentorio durante la conferenza stampa

Andrea Pezzotta, Franco Tentorio e Marco Fassi durante la conferenza stampa

BERGAMO — Obiettivo ridimensionamento. Come promesso in campagna elettorale, l’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta ha annunciato ieri, in una conferenza stampa a Palazzo Frizzoni, di aver raggiunto un accordo con gli operatori privati dei piani integrati di intervento ex Sace ed ex Enel, di cui tanto si è discusso in campagna elettorale e su cui l’amministrazione Bruni si è giocata un bel po’ di voti.

“Grazie a una forte volontà del Comune, il privato è venuto incontro alle nostre richieste – ha precisato il sindaco di Bergamo Franco Tentorio – e nonostante i progetti esecutivi già firmati dalla precedente amministrazione si è arrivati a un accordo”.

Una strategia, quella del Comune, improntata al “se si vuole, si può”. Una tattica che punta a far breccia dove ci sono margini, pur minimi, di manovra, e orientata alle richieste di residenti. E così “è prevista una diminuzione sostanziale in altezza delle torri della Sace – ha assicurato l’assessore Pezzotta – mentre il campo Utili verrà risistemato ma continuerà ad avere l’aspetto attuale, senza diventare un appendice del centro residenziale come era invece previsto dal progetto esecutivo della precedente amministrazione, che non piaceva al quartiere”. Situazione che comporterà minori oneri di urbanizzazione per il privato che potrebbe in questo modo recuperare parte degli introiti andati perduti. “Si tratta di ridisegnare un equilibrio economico” ha spiegato Tentorio.

“Gli operatori – ha proseguito Pezzotta – hanno dato disponibilità sottoscritta formalmente a rivedere i progetti esecutivi. A breve firmeremo le convenzioni che daranno attuazione tecnica ai miglioramenti concordati”. Per l’ex Sace ci sarà una riduzione delle altezze, ma non delle volumetrie già acquisite.

“In questo tentativo di mediazione partivamo in salita – ha spiegato il sindaco – dato che i Pii erano già stati approvati. Siamo soddisfatti degli accordi raggiunti e anche del fatto che la Sace ha garantito che manterrà in via Baioni un luogo di lavoro per 300 persone”.

Per quanto riguarda invece l’ex Enel, il Comune ha ottenuto che un parcheggio dentro l’area d’intervento venga destinato ai dipendenti delle due cliniche private della zona, la San Francesco e la Castelli, liberando così gli spazi loro assegnati nelle vicinanze e rendendoli pubblici. Novità in vista anche per il pericoloso incrocio tra le vie Garibaldi, Nullo e Statuto. Sparirà l’edicola al centro e verrà realizzata una rotonda per migliorare una zona fondamentale per l’accesso al centro cittadino e in passato già teatro di gravi incidenti.

Pd, la maggioranza degli iscritti preferisce Bersani: 56 per cento

Pierluigi Bersani ha ottenuto la maggioranza delle preferenze degli iscritti al PD ROMA - Pierluigi Bersani ha il 56,5 per cento dei voti dopo che hanno votato ...

Nuove deleghe: Fassi al Parco dello Sport, D’Avanzo alla mobilità

Il vecchio stadio verrà sostituito da uno nuovo dentro il Parco dello Sport BERGAMO -- Proseguendo sul cammino già avviato nelle settimane scorse, il sindaco di Bergamo Franco ...