iscrizionenewslettergif
Sport

Atalanta, Conte vuole coraggio e intensità: col Milan gara più facile

Di Redazione29 settembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Antonio Conte

Antonio Conte

ZINGONIA – Non gli è mai mancata. Si parla di personalità, il soggetto è Antonio Conte. L’Atalanta è sua da poco più di una settimana ma gli obiettivi sono chiari, la strada è già segnata. Confessa le sue paure, ribadisce i concetti, parla di qualche singolo. Il Milan è già nel mirino.

Antonio Conte, secondo punto in una settimana contro due dirette concorrenti…

Devo essere sincero, martedì prima della gara contro il Catania avevo paura che una sconfitta potesse avere contraccolpi psicologici importanti. Sono arrivati due pareggi che danno fiducia e morale, l’obiettivo adesso è arrivare alla sosta nel miglior modo possibile per lavorare poi sulle gambe e sulla testa.

Lei insiste molto sul concetto di lavoro, sul suo concetto di calcio…

Io e lo staff stiamo facendo il massimo perché questa squadra diventi l’Atalanta di Conte. Rispetto il lavoro di chi mi ha preceduto, il mio calcio però è diverso sia da quello di Del Neri che da quello di Gregucci. Voglio grande ritmo e intensità altissima per tutta la gara. Dobbiamo aggredire gli avversari, con coraggio e imponendo il nostro gioco.

Quindi preferisce uno scattante motore a benzina piuttosto che un diesel…

Esattamente. Ci vuole grinta, tanta voglia di provare le giocate e i dribbling. Preferisco uno che sbaglia ma che ci prova piuttosto di uno che si limita al compitino. Quando saremo al top tutto verrà più naturale, a quel punto saranno gli altri a doverci correr dietro.

Domenica nella ripresa si è vista per la prima volta una squadra che si avvicina a quello che chiede lei…

I primi quarantacinque minuti sono stati abbastanza timorosi, il Chievo era schierato bene e noi non eravamo ancora sereni dopo il recente filotto negativo. Poi siamo andati meglio, tutti quanti ed anche se il pareggio è arrivato su un episodio un po’ particolare sono soddisfatto del punto guadagnato.

Tiribocchi ha segnato il primo gol degli attaccanti. Domenica toccherà di nuovo a lui?

Lui, come Doni, come Acquafresca e come tutti quanti dovrà dimostrare in settimana di meritarsi una maglia contro il Milan. Sarà importante essere al massimo delle nostre possibilità contro i rossoneri. A Verona Bellini ha giocato con una infiltrazione, questa voglia di esserci nonostante i problemi per me è importantissima.

Milan che giocherà anche in Champions e che non attraversa un gran momento…

Sarà una partita più facile per noi rispetto a Chievo e Catania. Le motivazioni contro squadre di questo blasone arrivano da sole e quindi i ragazzi si caricano in automatico. Non abbiamo nulla da perdere, andremo in campo per cercare di vincere. Sarò a San Siro con Osti per la gara di Champions, domenica dovremo essere bravi a sfruttare ciò che ci concederanno.

Magari meglio del Bari in zona gol. Domenica sera i galletti hanno fatto davvero bene…

Quello è il calcio che vorrei vedere anche qui a Bergamo dopo un po’ di tempo che ci lavoriamo. Intensità, costante consapevolezza di cosa dover fare sia in fase di possesso che in fase di non possesso: una gara importante in casa del Milan, qualcosa che richiede molto lavoro di preparazione.

Fabio Gennari

Albinoleffe, esonerato Madonna. Il nuovo tecnico è Mondonico

Il nuovo tecnico dell'Albinoleffe Emiliano Mondonico ZANICA – Colpo di scena in casa Albinoleffe. Alle 14.11 di oggi, lunedì 28 settembre, ...

Albinoleffe, tra Mondonico e Andreoletti l’accordo è nato in cascina

Emiliano Mondonico ed il presidente Andreoletti (foto Mariani) VERDELLO – Pensi ad un ingaggio e ti immagini sale riunioni, dirigenti in giacca e ...