iscrizionenewslettergif
Sport

Albinoleffe, tra Mondonico e Andreoletti l’accordo è nato in cascina

Di Redazione29 settembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Emiliano Mondonico ed il presidente Andreoletti (foto Mariani)

Emiliano Mondonico ed il presidente Andreoletti (foto Mariani)

VERDELLO – Pensi ad un ingaggio e ti immagini sale riunioni, dirigenti in giacca e cravatta e milioni di carte sul tavolo. Contratti, clausole, obblighi e diritti. Poi arriva il giorno in cui l’Albinoleffe presenta Emiliano Mondonico ed è proprio il baffo di Rivolta a distruggere ogni convinzione.

“Lunedì a mezzogiorno –dichiara Mondonico –mi ha chiamato il presidente Andreoletti, stavo preparando la pastasciutta con mia moglie e l’ho invitato in cascina. Aveva bisogno di parlarmi, lo abbiamo fatto ed ora sono qui senza nemmeno sapere quanto guadagnerò”.

Calcio pane e salame, una favola che continua lontano anni luce dal business più sfrenato e dalle logiche televisive.

Il “Mondo” è tornato, sperava di non doverlo fare ma non ha potuto dire di no.

“Mi fa piacere che spesso i presidenti mi richiamino dove sonos tato, signifcia che ho fatto bene. Se l’Albinoleffe non mi avesse più cercato significava che tutto andava per il meglio. Io speravo questo, non avevo fretta di rientrare in pista. Però non ho potuto dire di no, era una favola ed oggi è una bella realtà cui spero di dare il mio contributo”.

Dopo la Cremonese qualche esperienza in tv e tanto tempo da dedicare ai suoi salami nella casina di Rivolta. “Prometto fin d’ora che la festa salvezza si svolgerà ancora li. Ho cercato di tenermi impegnato, ultimamente era arrivata qualche proposta dopo un’estate di silenzio ma niente che potesse convincermi a riprendere ad allenare”.

Prende in mano una squadra che ha raccolto meno di quanto meritasse, al posto di un suo ex giocatore. “Mi dispiace per il Mindo. Stamattina ho parlato a lungo con il gruppo, ho detto a tutti di non mollare perché in serie C in pochi si guadagnerebbero ancora da vivere come fanno oggi. La salvezza è l’obiettivo di tutti”.

Bentornato “Mondo”, a Bergamo sei sempre il benvenuto.

Fabio Gennari

Atalanta, Conte vuole coraggio e intensità: col Milan gara più facile

Antonio Conte ZINGONIA – Non gli è mai mancata. Si parla di personalità, il soggetto è Antonio ...

Famiglie allo stadio? Con questi divieti non è sempre possibile

Lo stadio comunale di Bergamo BERGAMO – Divieti, restrizioni, tessera del tifoso, famiglie allo stadio. Il ventaglio di espressioni che ogni ...