iscrizionenewslettergif
Libri

“Without Fidel” e i 5 figli segreti di Castro

Di Redazione28 settembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Fidel Castro in un curioso atteggiamento

Fidel Castro in un curioso atteggiamento

Fidel Castro come non lo avete mai letto. Non parla di politica ma della vita privata del dittatore cubano il libro “Without Fidel (Senza Fidel)” scritto dalla giornalista statunitense Ann Louise Bardach. Il volume sarà pubblicato nei prossimi giorni negli Usa dalla casa editrice Scribner, ma è già su tutti i giornali per le rivelazioni contenute, fra le quali il fatto che El Comandante avrebbe sedotto decine di donne e oggi avrebbe almeno 10 figli.

L’ultima fatica letteraria della Bardach, presentata in anteprima dal Daily Telegraph, racconta la lunga carriera politica di Fidel e di suo fratello Raul, ma anche numerosi particolari della vita intima dell’ex dittatore cubano.

Le unioni ufficiali dicono che il primo figlio del rivoluzionario cubano si chiama Fidelito, è nato nel 1949, quando Castro era sposato con la prima moglie Myrta Diaz-Balart. Altri cinque bambini sono nati tra il 1962 e il 1974 da Fidel e Dalia Soto del Valle, donna che avrebbe sposato segretamente solo nel 1980, e che sarebbe apparsa in tv al suo fianco solo nel 2003.

Ma Castro avrebbe avuto anche numerose relazioni “clandestine”. Nel 1956 gli sarebbero nati tre figli illegittimi, da altrettante relazioni “non ufficiali”. Da Natalia Revuelta, aristocratica cubana, pasionaria della rivoluzione, avrebbe avuto una bambina di nome Alina Fernandez. Una ragazza misteriosa che gli avrebbe poi dato un bimbo chiamato Panchita Pupo. Maria Laborde, una donna che ebbe una veloce storia d’amore con Fidel all’indomani dalla sua liberazione dal carcere, gli diede invece Jorge Angel.

Il decimo figlio sarebbe nato da un flirt del 1960. ll bimbo si chiamerebbe Ciro, in onore di un martire della revolución, ma la madre resta ignota. Oggi sarebbe sposato con una piccola funzionaria del partito e vivrebbe a L’Avana. Ma la prole di Fidel potrebbe non fermarsi qui. Secondo un disertore cubano che lavorava nei servizi segreti, un altro figlio di Castro sarebbe nato nel 1970 dall’ennesima relazione clandestina.

Secondo quanto racconta il libro, Fidel avrebbe fatto di tutto per nascondere le sue avventure extraconiugali. I figli hanno rispettato il volere del padre mantenendo sempre un basso profilo. Secondo la Bardach nessuno di loro prenderà in futuro le redine del potere. Il più accreditato a succedere a Raul è il quarantatreenne Alejandro, figlio di quest’ultimo, già colonnello e “stella nascente nel Ministero degli Interni”.

Il libro rivela anche particolari della malattia dell’ex dittatore. L’orgoglioso Castro, narra la scrittrice, avrebbe rifiutato un intervento chirurgico che lo avrebbe obbligato a vivere con una sacca di plastica attaccata al corpo. Al contrario decise di sottoporsi a un’operazione più pericolosa che però gli garantiva, una volta guarito, totale indipendenza. Purtroppo l’intervento fallì e Fidel rischiò di morire per una grave infezione intestinale. A questo punto l’ex dittatore accettò l’intervento chirurgico normale, che lo provò molto dal punto di vista psicologico. “Fidel piangeva diverse volte al giorno” ha confessato alla scrittrice una fonte anonima dell’ospedale. “Era davvero distrutto”. Nei mesi successivi l’ottantatreenne rivoluzionario perse circa 20 kg.

Tre finalisti Mondadori al Premio poesia San Pellegrino

casino-san-pellegrino-terme-g En-plein della Mondadori al 12esimo Premio di poesia San Pellegrino Terme. Sono infatti tre volumi ...

“Il bambino e il leopardo” di Marco Venturi

zoo Nel Kashmir conteso tra India e Pakistan, sconvolto dalla ribellione islamica, si intrecciano le storie ...