iscrizionenewslettergif
Università

Nuovi corsi d’italiano per stranieri

Di Redazione24 settembre 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Partono i nuovi corsi d'italiano per stranieri

Partono i nuovi corsi d'italiano per stranieri

L’Università degli Studi di Bergamo organizza dal 5 ottobre 2009 al 22 gennaio 2010 i seguenti corsi di lingua e cultura Italiana per stranieri, destinati sia a stranieri residenti nel territorio di Bergamo che a studenti.

Il primo corso non intensivo, comprende due lezioni alla settimana di due ore ciascuna, nella fascia pomeridiana (oltre ad attività culturali, quali una visita guidata di Bergamo Alta) e si articola su 5 livelli (da principiante ad avanzato, da A1 a C1)

Il secondo corso è incentrato sul linguaggio economico. Due ore settimanali per chi ha già una discreta conoscenza della lingua comune (dal livello B1 in poi);

Il terzo corso riguarda invece la scrittura. A disposizione di chi ha già una discreta conoscenza dell’italiano ma non ha mai esercitato l’abilità di scrittura (dal livello B1 in poi) due ore di lezione settimanali.

I corsisti verranno divisi in 5 livelli in base ai risultati di un test d’ingresso che si terrà lunedì 5 ottobre dalle ore 14 alle 16 presso la sede Universitaria di via Salvecchio,
aula 2.

I corsi, organizzati dal Centro d’Italiano per stranieri (Cis) sono coordinati dalla professoressa Piera Molinelli, direttrice del Cis stesso.

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Segreteria CIS
Università di Bergamo – Piazzetta Verzeri 1 – 24129 Bergamo. Tel. 035-2052461, fax
035-2052407/035-2052461, e-mail: infocis@unibg.it (sito: http://www.unibg.it/cis)

Giro di vite agli Atenei in rosso, incentivi ai più produttivi

La sede di Piazza Vecchia dell'Università degli studi di Bergamo Taglio dei fondi e blocco delle assunzione per gli atenei meno produttivi, stretta nella formazione ...

Conferenza con l’accademico di Francia Jean Clair

Jean Clair E' uno degli appuntamenti culturali più attesi di quest'anno. All'Università di Bergamo arriva l'accademico di ...