iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Sport

Il Genoa passa al Comunale: seconda sconfitta per l’Atalanta

Di Redazione31 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un momento della sfida tra Atalanta e Genoa

Un momento della sfida tra Atalanta e Genoa

BERGAMO – Due partite, due sconfitte. Zero punti, zero gol realizzati. Vista così, la sconfitta contro il Genoa maturata sullo splendido manto erboso del Comunale fa ancora più impressione.

Di certo sono sempre i numeri che contano, bisogna guardarli attentamente e invertire la tendenza. L’Atalanta incassa il secondo 1-0 consecutivo e come già successo a Roma alla fine paga molto cara una disattenzione difensiva.

La rete che vale tre punti la mette a segno Moretti allo scadere del primo tempo, fino a quel momento Consigli non era mai stato seriamente impensierito dall’undici di Gasperini che aveva in campo parecchie seconde linee.

Poche le emozioni nella prima parte di gara, Doni e compagni hanno mantenuto il pallino del gioco producendo però uno sterile possesso palla senza creare grandi pericoli. Nel finale Acquafresca, fino a quel momento impalpabile, impegna Amelia con un gran destro di prima intenzione sull’assist di Padoin ma il portiere salva in due tempi.

Il vantaggio di Moretti premia i genoani oltre i propri meriti, ad inizio ripresa l’Atalanta preme sull’acceleratore e schiaccia l’avversario in area di rigore. Barreto al 48′ lancia Acquafresca, gran diagonale ed ancora una volta bravo Amelia a respingere: Garics al 50′ si inventa una serpentina incredibile in mezzo a due avversari ma non riesce a mettere al centro.

Il pareggio sembra nell’aria, l’urlo del pubblico sale altissimo e al 54′ Valdes non arriva di un soffio sul cross basso di Padoin con Barreto che spedisce alto di poco la successiva conclusione. Gasperini prende paura, dopo Sculli per Figueroa entrano due difensori come Biava e Papastathopuolos con la chiara intenzione di proteggere l’esiguo vantaggio.

Gregucci gioca la carta Tiribocchi per Valdes, nel finale però i nerazzurri si affidano troppo ai lanci lunghi: Acquafresca al 72′ chiama Amelia al miracolo incornando un traversone di Manfredini, Doni poco dopo spara un siluro di destro respinto con i pugni.

Di azioni manovrate della Dea però non se ne vedono più, nel finale il Genoa sfrutta la stanchezza dell’Atalanta e sfiora in contropiede il raddoppio con Rossi, Milanetto e Mesto. Saccani dopo tre minuti di recupero, visto l’atteggiamento rossoblù si poteva concedere qualcosa in più, manda tutti sotto la doccia. Ora c’è la sosta, lavorare fermi al palo in classifica non è il massimo ma bisogna guardare avanti e migliorare.

Atalanta – Genoa 0-1

Atalanta(4-4-1-1) : Consigli; Garics (90′ Madonna), Talamonti, Manfredini, Bellini; Padoin, Guarente(75′ Caserta), Barreto, Valdes (60′ Tiribocchi); Doni; Acquafresca. All. Gregucci

Genoa(3-4-3) :Amelia; Tomovic, Criscito, Moretti; Rossi, Zapater (65′ Biava), Milanetto, Fatic; Mesto, Figueroa (52′ Sculli), Palacio (72′ Papastathopoulos) . All. Gasperini

Reti: 45′ Moretti(G)

Ammoniti: Doni(A), Barreto (A), Manfredini(A) , Tomovic(G), Mesto(G)

Fabio Gennari

Atalanta, Gregucci ci crede: a Bergamo venderemo cara la pelle

Doni ha recuperato, contro il Genoa ci sarà ZINGONIA – Adesso ci vogliono anche i tre punti. Dopo la bella ma sfortunata prestazione ...

Spogliatoi, Bellini e Gregucci: il gol allo scadere è stato decisivo

Il tecnico Gregucci risponde alle domande dei cronisti BERGAMO -- Parlare dopo una sconfitta non è mai facile. Gianpaolo Bellini e il mister ...