iscrizionenewslettergif
Salute

A Novembre parte la vaccinazione contro l’influenza suina

Di Redazione26 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il virus dell'influenza A

Il virus dell'influenza A

Partirà a metà novembre la campagna di vaccinazione contro l’influenza A/H1N1 in Italia. Inizialmente la vaccinazione riguarderà il 30-40 per cento della popolazione. Lo rende noto il ministero del Welfare.

La data è stata decisa nella riunione del tavolo permanente delle cure primarie territoriali del 20 agosto scorso. Secondo quanto riferito, la prima fase prevede l’immissione in circolazione di 8 milioni di dosi che saranno a disposizione a partire dal 15 novembre sino a tutto il mese di dicembre.

Altri 16 milioni di dosi di vaccino saranno disponibili a partire dal 31 gennaio. La prima fase, come annunciato, riguarderà gli operatori sanitari e le categorie a rischio. Saranno vaccinati gli addetti ai servizi essenziali e, tra questi, personale sanitario e di assistenza dei servizi sanitari accreditati (resterà fuori da questa prima fase il personale delle strutture private) le strutture socio sanitarie (case di riposo, RSA) il personale dei Distretti sanitari, almeno il 90 per cento dei medici di famiglia e dei pediatri, i medici competenti, gli addetti ai servizi amministrativi di supporto, il personale delle Poste Italiane e della Telecom. Queste categorie saranno sottoposte a vaccinazione dai Dipartimenti di Prevenzione-Centri Vaccinali. Per queste categorie si prevedono un milione e mezzo di dosi di vaccino.

Saranno coperti inoltre, entro fine anno, i soggetti a rischio dai due ai sessantacinque anni, con 7 milioni di dosi. Gli altri 16 milioni di vaccini saranno indirizzati a partire dal 31 gennaio specificatamente alla popolazione compresa tra i due e i ventisette anni, comprendendo quindi la popolazione sana, con modalità da definire.

In ogni caso il vaccino non sarà disponibile in farmacia, sarà privo di foglietto d’istruzioni e sarà multi dose, dieci dosi per fiala. Sarà un vaccino audiuvato con MS 59. L’intenzione è quella di vaccinare il 40 per cento della popolazione al di sotto dei 65 anni di età.

Negli Usa intanto cresce l’allarme. Secondo le autorità l’influenza A potrebbe contagiare metà della popolazione americana entro l’inverno, obbligando alle cure ospedaliere 1,8 milioni di persone e causando fino a 90mila decessi, più del doppio di una normale influenza.

Sesso: le donne sono più selettive

Per una notte romantica le donne vorrebbero un uomo irresistibile Le donne, nel sesso, sono più selettive degli uomini. Per una notte di passione le ...

Influenza A: 71 casi in Bergamasca. Necessari 400mila vaccini

Il virus dell'influenza al microscopio Serviranno almeno 400mila dosi di vaccino per evitare il peggio. Ovvero quanto basta per vaccinare ...