iscrizionenewslettergif
Economia

La Bce: recessione a un punto di svolta, ripresa in vista

Di Redazione13 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Buone notizie dalla sede della Banca centrale europea di Francoforte

Buone notizie dalla sede della Banca centrale europea di Francoforte

“Sebbene il livello di incertezza rimanga elevato, vi sono crescenti segnali che la recessione mondiale stia raggiungendo un punto di svolta”. Lo scrive la Banca centrale europea (Bce) nel suo bollettino mensile.

Il peggio sembra dunque alle spalle e là in fondo al tunnel si comincia ad intravedere uno spiraglio di luce. Per l’area euro “ci si attende che l’attività economica rimanga debole nella restante parte dell’anno” e che nel prossimo “a una fase di stabilizzazione segua una graduale ripresa con tassi di crescita trimestrali di segno positivo”.

“Il ritmo di crescita dell’attività nell’area dell’euro – si legge ancora nel bollettino della Bce – é diminuito notevolmente all’inizio del 2009, a seguito della protratta contrazione della domanda sia interna che mondiale. In base alla seconda stima dell’Eurostat il Pil, in termini reali nell’area è sceso del 2,5 per cento sul periodo precedente nel primo trimestre 2009, dopo una flessione dell’1,8 per cento sul periodo precedente.

Il Pil ha probabilmente continuato a ridursi nel secondo trimestre, benché a un ritmo inferiore rispetto al primo. La contrazione dovrebbe moderarsi ulteriormente per tutta la parte rimanente del 2009, e la crescita economica, dopo una fase di stabilizzazione, dovrebbe mostrare una graduale ripresa nel 2010”. Per la Bce “le significative azioni di stimolo adottate in tutte le principali aree economiche dovrebbero sostenere la crescita sia nell’area Euro sia nell’area mondiale”.

Il Consiglio direttivo della Bce si attende “che la fase attuale, caratterizzata da tassi di inflazione estremamente bassi o negativi, sia di breve durata e che la stabilità dei prezzi sia preservata nel medio periodo, continuando a sostenere il potere d’acquisto delle famiglie nell’area euro”.

Cellulari: gli italiani spendono più degli europei

Il cellulare, una tipica "mania" italiana Chi in Italia fa del telefonino un uso medio, spende tre volte di più di ...

A Bergamo i prezzi crescono anche ad agosto: inflazione + 0,1 per cento

Supermercato Ad Agosto 2009, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), a Bergamo, risulta ...