iscrizionenewslettergif
bergamosvil1png
Editoriali Scuola

Scuola: la proposta Snals per i precari

Di Redazione7 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Quasi mille i precari della scuola bergamasca

Quasi mille i precari della scuola bergamasca

Sono quasi mille i precari della scuola bergamasca che dal prossimo settembre rischiano di rimanere senza supplenza, tra docenti e personale Ata (amministrativi, tecnici ed ausiliari). Insomma, potrebbero ritrovarsi senza contratto, seppur a tempo determinato: in pratica niente lavoro, niente stipendio, intere famiglie sul lastrico. Questo è tra gli effetti disastrosi della politica dei tagli che riduce cattedre e posti, per cui si preannuncia un autunno caldo.

Per la riconferma del contratto di lavoro a diversi precari della scuola, il sindacato Snals-Confsal propone l’applicazione anche in Lombardia di un accordo appena sottoscritto tra la Regione Sardegna e il Ministero dell’Istruzione. L’intesa permetterebbe di far lavorare diversi aspiranti supplenti iscritti nelle graduatorie ad esaurimento della scuola nonché destinatari, nell’anno scolastico quasi concluso 2008/2009, di contratti a tempo determinato per supplenze annuali e fino al termine delle attività didattiche nelle scuole della regione, ma che per l’anno scolastico 2009/2010 non riescono a stipulare la stessa tipologia di contratto, per carenza di posti disponibili.

Sollecitiamo l‘assessore regionale Gianni Rossoni perché anche il Pirellone aderisca alla convenzione con il Ministero, affinché docenti e personale Ata rimasti senza supplenza nelle scuole lombarde, siano utilizzati da settembre per interventi anti-dispersione e di potenziamento dell’offerta d’istruzione e formazione. L’accordo, già operativo in Sardegna, porta importanti benefici: la salvaguardia di numerosi contratti di lavoro così come il miglioramento e l’arricchimento di interventi di istruzione e formazione.

Loris Renato Colombo
segretario provinciale Snals-Confsal

Adiconsum: caro ministro se ci sei batti un colpo

Ormai ogni volta che si ripete la speculazione sui carburanti si assiste al solito rito: ...

L’Udc propone le ronde della solidarietà

Mentre si parla tanto di "osservatori volontari" per la sicurezza, l'Udc invece propone "le ronde ...