iscrizionenewslettergif
Economia

Quote latte: diminuiscono le aziende sanzionate

Di Redazione6 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Sono 39 le aziende bergamasche oltre le quote imposte dall'Ue

Sono 39 le aziende bergamasche oltre le quote imposte dall'Ue

Una decina di anni fa, sulla questione delle quote latte, provocarono il finimondo bloccando per giorni persino l’aeroporto di Linate. Oggi invece pare che le aziende agricole che producono latte siano molto più ligie alle direttive europee di quanto lo erano un tempo. Almeno quelle bergamasche. La Coldiretti ha diffuso oggi i dati che dimostrano una particolare attenzione al rispetto del regime delle quote imposto dall’Unione Europea.

Per la campagna 2008/2009 infatti sono 39 le aziende che hanno oltrepassato i limiti e che dovranno pagare una multa di 3,4 milioni di euro in tutto. Un netto miglioramento rispetto allo scorso anno quando ad andare oltre le soglie imposte dall’Ue erano state 76 aziende a cui erano arrivate sanzioni per 11,5 milioni di euro.

“Questo significa che sono sensibilmente aumentati i produttori che hanno scelto di operare nel rispetto della legge – dicono dalla Coldiretti – e che per questo hanno fatto investimenti affittando quote latte oppure sono stati attenti a non eccedere con la produzione”.

In Bergamasca le aziende titolari di quote latte sono in tutto 920. Anche a livello regionale, dicono sempre dalla Coldiretti, si registra lo stesso trend. Nella campagna 2007/2008 in Lombardia le aziende “fuorilegge” sono state 400 con multe per 71 milioni. Nel 2008/2009 invece le aziende oggetto di superprelievo sono state 217 con una sanzione prossima ai 20 milioni di euro.

Cgia: redditi più alti di un terzo al Nord Italia

Sacrosante verità Mentre in politica impazza la polemica sulle gabbie salariali, ovvero quelle regole che imporrebbero stipendi ...

Ocse: segnali di ripresa in Italia e Francia

Il premier Silvio Berlusconi Per Italia e Francia i segni di una ripresa dell'economia ci sono già. Lo dicono ...