iscrizionenewslettergif
Bergamo

La Cgil apre uno sportello per la regolarizzazione delle badanti

Di Redazione6 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una badante al lavoro

Una badante al lavoro

updated CENTRO CITTA’ — A partire dall’1 settembre la Cgil aprirà uno sportello dedicato alle procedure di regolarizzazione di colf e badanti. L’iniziativa, che avrà sede presso il sindacato in via Garibaldi a Bergamo, è patrocinata da Inca-Cgil, in collaborazione con l’Ufficio Diritti.

Inutile chiamare ora. Il centralino sarà attivo solo dal 26 agosto per fissare gli appuntamenti obbligatori. I numeri da chiamare sono 035.3594.490, 035.3594.495 oppure 035.3594.496.

Fino al 30 settembre sarà attivo il servizio di consulenza e spedizione delle domande riservato ai datori di lavoro italiani (o anche stranieri in possesso di carta di soggiorno) che potranno, infatti, chiedere di regolare le posizioni lavorative di badanti e colf, finora in nero.

Gli appuntamenti per lo svolgimento delle pratiche in Cgil dovranno essere presi telefonicamente (i numeri di telefono saranno comunicati nell’ultima settimana di agosto).
Il servizio verrà assicurato anche in altre sedi Cgil della provincia oltre a quella del capoluogo: Ponte San Pietro, Dalmine, Treviglio, Romano di Lombardia, Grumello del Monte, Trescore e Gazzaniga.

Il requisito principale per accedere alla procedura di emersione è la sussistenza, al 30 giugno 2009, di un rapporto di lavoro della durata di almeno tre mesi. In altri termini bisogna verificare che il lavoratore abbia iniziato la propria attività (in nero) almeno dal 1° aprile scorso.

La legge stabilisce che il datore di lavoro (italiano o straniero) debba avere un reddito annuo non inferiore a 20mila euro (o 25mila euro per nucleo famigliare composto da più soggetti conviventi percettori di reddito). La procedura prevede anche il pagamento di un contributo a forfait di 500 euro per ciascun lavoratore, da pagare prima dell’inoltro telematico della domanda.

Fino alla conclusione della procedura vengono sospesi i procedimenti penali e amministrativi relativi al datore di lavoro e al lavoratore per le violazioni delle norme relative all’impiego di lavoratori in nero e di quelle relative al soggiorno nel territorio nazionale del cittadino straniero senza permesso. Al momento della presentazione dell’istanza, le eventuali domande di “decreto flussi” presentate in precedenza vengono annullate.

“La regolarizzazione è un provvedimento che chiediamo da sempre” ha detto oggi Martino Signori, responsabile del Dipartimento immigrazione per la segreteria provinciale Cgil. “Per questo a settembre faremo la nostra parte, ma restiamo convinti che un provvedimento riservato solo ad alcuni sia discriminatorio e controproducente per l’economia bergamasca. Far emergere dal nero solo colf e badanti significa fingere di non vedere migliaia di immigrati clandestini che lavorano irregolarmente e senza tutele (a cominciare dalla sicurezza sul lavoro) nel nostro tessuto produttivo”.

Autobus: abbonamento studenti invariato, tessera unica per chi viene dalla provincia

Un autobus della linea 8 BERGAMO -- Il costo degli abbonamenti Atb per studenti resterà invariato per l'anno 2009-2010. Lo ...

Auto finisce in un canale: bimbo ricoverato d’urgenza ai Riuniti

La sede degli Ospedali Riuniti di Bergamo SANTA LUCIA -- E rimasto intrappolato con la madre e il fratellino dentro la loro ...