iscrizionenewslettergif
Economia

Cgia: redditi più alti di un terzo al Nord Italia

Di Redazione5 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Sacrosante verità

Sacrosante verità

Mentre in politica impazza la polemica sulle gabbie salariali, ovvero quelle regole che imporrebbero stipendi diversi a seconda della zona d’Italia, uno studio della Centro studi artigiani (Cgia) di Mestre mostra che le gabbie salariali in realtà esisterebbero già dal momento che gli stipendi al Nord Italia sono più alti di un terzo rispetto al Sud.

Secondo i dati resi noti oggi dal segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi, il reddito da lavoro dipendente è il 30,3 per cento in più del Sud. Lo studio prende in considerazione l’imponibile Irpef medio, al netto dei contributi previdenziali di ogni singola regione, ed è riferito al 2007.

Dal confronto emerge che la differenza di reddito tra regioni è già molto evidente. Se in Lombardia nel 2007 era di 22.800 euro in Calabria si ferma a 14.180 euro.

Pannelli solari: nuovi incentivi dalla Regione

Energia dal sole, la strada dal futuro La Regione Lombardia ha stanziato circa 1,4 milioni di euro per incentivare l’installazione di pannelli ...

Quote latte: diminuiscono le aziende sanzionate

Sono 39 le aziende bergamasche oltre le quote imposte dall'Ue Una decina di anni fa, sulla questione delle quote latte, provocarono il finimondo bloccando per ...