iscrizionenewslettergif
Tecnologia

La Chiesa inglese “scomunica” Facebook

Di Redazione4 agosto 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I social network accusati di produrre amicizie effimere

I social network accusati di produrre amicizie effimere

Facebook e MySpace minacciano la vita della comunità e portano gli adolescenti al suicidio. Almeno questo è quanto sostiene l’arcivescovo di Westminster Vincent Nichols, primate della Chiesa cattolica in Inghilterra e Galles.

Secondo il religioso all’interno dei social network i ragazzi vivono l’amicizia in modo transitorio e spesso la quantità degli amici viene ritenuta più importante della loro qualità.

Per il prelato “l’amicizia non è un bene di consumo ma è frutto di intenso lavoro, durevole nel tempo”. Al contrario, sostiene l’arcivescovo, le relazioni che si stabiliscono all’interno dei social network sono talvolta molto effimere.

Secondo Nichols la maggiore facilità con cui online si perde la propria rete di rapporti può rappresentare un vero e proprio trauma, che in alcuni casi spinge addirittura al suicidio. È per questo che i siti di relazione online devono essere considerati socialmente e moralmente pericolosi.

Apple pronta a lanciare il tablet-computer

Due gioielli della Apple: iPhone e iPod Touch Apple si prepara a lanciare un nuovo e rivoluzionario prodotto. Stiamo parlando di un dispositivo ...

Ebay: Paypal fuori uso per un’ora

La sede californiana delle due aziende Fuori uso per almeno un'ora. PayPal, il più grande sistema di pagamenti online, proprietà del ...