iscrizionenewslettergif
Prima periferia

Accordo raggiunto sul Gres. I sindacati: dignitoso. Misiani (Pd): bene così

Di Redazione31 luglio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Tubazioni per acquedotti

Tubazioni per acquedotti

SORISOLE — “Non ci dimenticheremo di questi 145 posti di lavoro definitivamente persi. Se è vero che l’amarezza resta, sappiamo, però, di aver raggiunto un accordo dignitoso e positivo per i lavoratori”. Sono le parole di Fulvio Bolis, segretario generale provinciale della Filcem-Cgil, e Sergio Licini, funzionario della Femca-Cisl, all’uscita dall’incontro in Confindustria, oggi attorno alle 14.

Sul tavolo, la trattativa con la Società del Gres (Italcementi Group) di Petosino. L’azienda, una delle più antiche di tutta la provincia (risale al 1887), è specializzata nella realizzazione di tubi e raccordi in gres ceramico utilizzati nelle fognature e negli acquedotti. Venerdì 17 luglio, aveva convocato i sindacati in un incontro che aveva lasciato poche speranze sulla tenuta occupazionale, gettando nell’incertezza 145 lavoratori.

Dopo il venerdì nero, si è tenuto un primo incontro-fiume il 24 luglio, finito a notte fonda. Il lunedì successivo, il 27, si è svolta un’assemblea dei lavoratori in cui i sindacati hanno illustrato lo stato della trattativa. In quella sede, i sindacati hanno ottenuto il mandato dai lavoratori di tornare a trattare e di cercare le condizioni migliori per raggiungere un’intesa. L’accordo con i vertici dell’azienda è arrivato oggi.

“Riteniamo di avere fatto tutto il possibile per tutelare i lavoratori – continuano i due sindacalisti. “Il risultato è che pensiamo di essere riusciti ad attutire il colpo seguito alla decisione di cessare l’attività”.

L’intesa siglata oggi prevede un piano di gestione degli esuberi che, per andare a buon fine, necessita di 24 mesi di ammortizzatori sociali: mercoledì 5 agosto le parti si recheranno a Roma al Ministero del Lavoro per la richiesta di una cassa integrazione straordinaria di questa durata.

Oltre a ciò, l’accordo prevede la costituzione di una nuova società che assorba 19 dipendenti del settore commerciale, mentre una decina di persone già individuate saranno a partire da subito (ed entro il 31 agosto 2010) ricollocate in aziende Italcementi della provincia di Bergamo. Un monitoraggio della situazione delle aziende del Gruppo potrebbe portare ad altri assorbimenti di personale: questo è l’impegno che la Società del Gres si è preso.

Inoltre, durante il percorso di cassa integrazione e mobilità, circa una quarantina di lavoratori dovrebbero maturare i requisiti per andare in pensione.
A queste azioni se ne aggiungeranno altre mirate alla ricollocazione attraverso corsi di formazione e riqualificazione: per questo i sindacati hanno chiesto, e già ottenuto per il 7 agosto, un incontro con l’assessore provinciale ad Istruzione, Formazione e Lavoro, Enrico Zucchi. Infine, va aggiunta per tutti i lavoratori una tutela del reddito contrattata con l’azienda. Per lunedì prossimo, 3 agosto, sono in programma le assemblee coi lavoratori per illustrare l’intesa (dalle ore 8.30).

Intanto arriva il primo commento all’intesa. E’ del parlamentare del Pd Antonio Misiani: “L’accordo raggiunto per la società del Gres è un positivo passo in
avanti, pur con l’amaro dato di tanti posti di lavoro cancellati. Ora è necessario che la Provincia e il Ministero facciano la loro parte per la riqualificazione e il sostegno del reddito dei lavoratori”.

Teb: più bici sul tram delle valli

Il tram delle valli (Photo courtesy of www.teb.bergamo.it) BERGAMO -- In seguito alle numerose richieste giunte alla Teb, la società che gestisce il ...

Sorpresi dalla piena del Brembo rischiano l’annegamento: salvati dall’elicottero

La disavventura è finita grazie all'intervento dell'elicottero dei Vigili del Fuoco OSIO SOTTO -- Stavolta l'elicottero dei Vigili del fuoco ha compiuto un autentico miracolo. Devono ...