iscrizionenewslettergif
Bergamo

Truffatori croati speronano i Carabinieri: due arresti

Di Redazione28 luglio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un'auto dei Carabinieri

Un'auto dei Carabinieri

BERGAMO — Per sfuggire ai Carabinieri non hanno esitato a speronare la loro auto. Tuttavia la repentina fuga non gli è riuscita del tutto. I Carabinieri del Comando provinciale di Bergamo hanno arrestato ieri due nomadi, pluripregiudicati, e ne hanno denunciato in stato di libertà altri due, tra cui un minorenne, per aver tentato di acquistare orologi pagando con false banconote.

La vicenda parte da internet. Una 44enne di Rovigo, proprietaria di sette orologi dal un valore di oltre 20.000 euro, ha messo un’inserzione in rete per la vendita degli oggetti. Nel giro di pochi giorni è stata contattata da alcuni acquirenti che sotto mentite spoglie le hanno chiesto un incontro per perfezionare l’acquisto. L’incontro è stato fissato per il tardo pomeriggio del 26 scorso, a Bergamo.

Quando la donna ha consegnato la merce, gli acquirenti dopo averla analizzata scrupolosamente hanno estratto il denaro.  Una mazzetta di 40 banconote da 50o euro, di cui però solo tre vere e le restanti trentasette recanti la scritta “fac-simile”. La donna, accortasi della truffa, ha subito chiamato i Carabinieri mentre i truffatori si davano alla fuga.

Sul posto sono arrivati subito i militari dell’Arma che hanno cercato di fermare i malviventi. Questi, per tutta risposta,  per cercare di fuggire non hanno esitato a speronare una macchina del pronto intervento dei Carabinieri, danneggiandola gravemente e causando ai militari lesioni guaribili in 20 giorni.

La fuga è durata pochi metri. Due nomadi, già noti alle forze dell’Ordine per i loro precedenti sono stati acciuffati. Gli altri due sono sfuggiti per un soffio. Non si esclude che la gang sia responsabili di analoghi episodi anche in altre regioni del Nord Italia.

Gli arrestati, entrambi ventiquattrenni e di nazionalità croata, dopo essere comparsi davanti al Tribunale di Bergamo per la convalida dell’arresto, sono stati portati in carcere in attesa del processo che verrà celebrato ad ottobre.

Scontro fra Vespa e auto in centro: ferite due ragazze

Le moto dei vigili CENTRO CITTA' -- Brutto incidente ieri pomeriggio in viale Vittorio Emanuele, all'incrocio con via Tasca ...

Blitz di Nas e Carabinieri in via Quarenghi

Blitz di Nas e Carabinieri in via Quarenghi CENTRO CITTA' -- I Nas (Nuclei antisofisticazione) di Brescia e i Carabinieri di Bergamo hanno ...