iscrizionenewslettergif
Prima periferia

Marocchino minaccia il suicidio: salvato dal blitz di carabinieri e pompieri

Di Redazione20 luglio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Una gazzella dei Carabinieri

Una gazzella dei Carabinieri

TORRE BOLDONE — Per salvarlo da quello che, almeno nelle intenzioni, pareva essere un tentativo di suicidio Carabinieri e vigili del fuoco hanno dovuto fare irruzione in casa abbattendo la porta.

Protagonista di una giornata di follia, un quarantenne marocchino che ieri ha letteralmente terrorizzato Torre Boldone. L’uomo, ubriaco e con problemi psichici ha prima molestato alcune persone che vivono nel suo stabile in via Tasso. Poi si è barricato in casa, urlando e imprecando frasi sconnesse e senza senso.

Poi, non contento ha dato fuoco a dei cuscini e si è tagliuzzato le braccia con cocci di vetro. Inutile dire che l’extracomunitario era completamente fuori di sé. Tanto fuori che è uscito sul balcone è, urlando ai passanti, ha minacciato di gettarsi dalla finestra.

Letteralmente pietrificati, i vicini hanno chiamato i Carabinieri. Sul posto è arrivata una gazzella, accompagnata dai Vigili del fuoco. La situazione rischiava di precipitare da un momento all’altro. Subito la decisione: abbattere la porta e fare irruzione.

Decisione giusta. Bloccato dai pompieri e dai militari, l’uomo è stato portato agli Ospedali Riuniti di Bergamo.

Gravi incidenti a Grassobbio e Seriate: morti due motociclisti

L'interno di un'autoambulanza SERIATE -- E' stata un fine settimana tragico per gli amanti della moto. In un ...

Ecocentro: e l’Orio center sposa l’ecologia

Una simulazione della facciata ecologica dell'Orio center ORIO AL SERIO -- Certo non basta una facciata con una pianta appiccicata a fare ...