iscrizionenewslettergif
Moda

La svolta ecologica delle maison

Di Redazione13 luglio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Un abito di Gattinoni

Un occhio rivolto all’ambiente attraverso l’uso di tessuti biologici ed eco-compatibili, una certa attenzione alla crisi economica combinata al lancio di giovani stilisti emergenti. Stiamo parlando della 15esima edizione di AltaRoma AltaModa, la manifestazione dedicata all’haute couture, in programma dal 12 al 16 luglio presso il complesso monumentale di Santo Spirito in Sassia a Roma.

Fausto Sarli, Gattinoni, Renato Balestra, Lorenzo Riva, Grimaldi Giardina, Gianni Calignano sono alcuni dei nomi storici che saliranno in passerella. La giornata inaugurativa di ieri è stata dedicata alla premiazione dei giovani talenti vincitori del quinto concorso “Who is on next”, nato per ricercare nuovi talenti del fashion design. Quest’anno i vincitori sono stati Marco De Vincenzo per il pret-a-porter e Daniele Marchetti per gli accessori.

Sulle passerelle c’è un ritorno a uno stile vintage con tanto colore, stampati fiabeschi e arabeggianti su camicie e abiti, e calzature ispirate al mondo del cinema in technicolor. Inoltre gli abiti hanno dettagli realizzati in preziosi metalli, frange, cinturini e catene. Tra le novità di questa edizione, il concorso “I mestieri della moda”, che prevede la realizzazione di film, fiction o documentari originali che mettano in risalto il lavoro nel campo della moda. Le opere ammesse in finale, selezionate da una giuria di esperti, saranno proiettate a ottobre, durante il Festival Internazionale del Cinema di Roma.

Pierre Cardin mette il suo marchio all’asta

pierre-cardin Pierre Cardin mette in vendita parte del suo impero di moda. Lo stilista, giunto all'eta ...

Il “caschetto” compie un secolo

La celebre Valentina di Guido Crepax Qualcuno sostiene che sia molto sensuale. Altri lo considerano poco femminile. Certo è che il ...