iscrizionenewslettergif
Editoriali Politica

Palafrizzoni: i bizzarri conteggi del presidente del consiglio

Di Redazione3 luglio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un passaggio del primo consiglio comunale

Un passaggio del primo consiglio comunale

Questi i fatti. Per eleggere il presidente del consiglio comunale di Bergamo ci sono volute due votazioni. Alla prima, 22 consiglieri di maggioranza hanno votato per il leghista Redondi, mentre tre consiglieri del centrodestra hanno indicato un nome diverso – Chorazzi e Frosio Roncalli -, e il quorum dei due terzi necessario per l’elezione è saltato.

L’elezione di Redondi è avvenuta in seconda battuta, a maggioranza semplice, sempre con 22 voti del centrodestra a favore, e tre su altri nomi: due voti per Frosio Roncalli, uno per Lorenzi.

Oggi il neoeletto presidente dell’assemblea ha inviato una nota in cui precisa che i consiglieri di maggioranza che hanno votato per qualcun altro e non per lui non sarebbero franchi tiratori, bensì “sbadati”.

“Tengo a precisare – spiega Redondi – che all’interno della maggioranza non vi è stato alcun franco tiratore come invece riportato da alcuni media. Da una veloce ricostruzione è emerso infatti che durante la seconda votazione necessaria per l’elezione del presidente, due esponenti della maggioranza hanno, entrambi per errore materiale, l’uno indicato un nome diverso dal mio, l’altro originato una scheda nulla (comunicazione fornitami dagli interessati subito dopo la votazione). Infine il terzo (per la cronaca il sottoscritto) ha optato per la scheda bianca. Conti alla mano, ai 22 voti favorevoli si aggiungono i 3 di cui sopra per un totale di 25”.

Quindi, riepilogando, secondo il presidente del consiglio comunale, qualcuno avrebbe scambiato la rossa Luciana Frosio Roncalli per il calvo Guglielmo Redondi. Qualcun altro ha scritto Frosio ma in realtà voleva scrivere Redondi (vedi, a volte, le assonanze). Mentre un terzo, forse Redondi stesso, ha scritto Lorenzi ma intendeva scheda bianca. Questi giornalisti maliziosi…

Discorso durissimo in aula: il redivivo Bruni passa all’attacco

Roberto Bruni, in piedi, durante il suo intervento in consiglio comunale BERGAMO -- Chi pensava a un Bruni abbattuto e dimesso si sbagliava di grosso. Con ...

Incidenti simulati e furti d’auto: Stucchi scrive al ministro Maroni

Il ministro dell'interno Roberto Maroni BERGAMO -- Ricordate il rocambolesco furto d'auto di qualche giorno fa a Verdellino? Sì, quello ...