iscrizionenewslettergif
Valseriana

Omicidio di Vertova: Alì Ndiogou chiede di essere interrogato

Di Redazione1 luglio 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il martello utilizzato in tribunale

Il martello utilizzato in tribunale

VERTOVA — Ieri mattina, all’udienza preliminare per l’omicidio di Vertova, Alì Ndiogou ha chiesto di essere di nuovo interrogato. Il 40enne senegalese, tuttora in carcere, è accusato di aver ucciso Maria Grazia Pezzoli nella sua abitazione di Vertova il 24 luglio dello scorso anno.

L’interrogatorio è stato programmato per venerdì 3 luglio. Durante l’udienza si discuterà anche del rinvio a giudizio di tutti gli imputati: l’accusato dell’omicidio, Alì Ndiogou, il marito della vittima, Giuseppe Bernini, e un immigrato 39enne, Aliuone Badara Silla, entrambi accusati di favoreggiamento. Tra gli imputati anche un carabiniere, che alla vigilia dei funerali della vittima fece entrare Bernini nell’abitazione di Vertova sottoposta a sequestro per permettergli di prendere un abito pulito.

Nel febbraio scorso il pm Carmen Pugliese aveva chiuso l’inchiesta identificando l’assassino in Alì Ndiogou. Il senegalese avrebbe accoltellato Maria Grazia Pezzoli, moglie del suo ex datore di lavoro, dopo essere stato licenziato – secondo Ndiogou ingiustamente – e essersi visto rifiutare 48mila euro. A far propendere gli inquirenti per l’imputato, le tracce ematiche e di sudore ritrovate sul luogo del delitto dai Ris e compatibili con il suo dna, e alcune impronte e altro dna compatibile rilevato su un lembo di pantalone su cui c’era anche il sangue della vittima.

Doppio intervento del Soccorso alpino su Presolana e Monte Zucco

Un'immagine ravvicinata dell'elicottero del soccorso alpino CASTIONE DELLA PRESOLANA -- Due interventi, quasi in contemporanea, ieri pomeriggio intorno alle 17 per ...

Omicidio di Vertova: il 15 luglio il verdetto

La sede del Tribunale penale di Bergamo BERGAMO -- Potrebbe arrivare il 15 luglio il verdetto sull'omicidio di Vertova. Questa mattina Alì Ndiogou, ...