iscrizionenewslettergif
Italia

Catastrofe nella notte, treno cisterna esplode alla stazione di Viareggio: 13 morti, mille evacuati

Di Redazione30 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'immane tragedia alla stazione di Viareggio

L'immane tragedia alla stazione di Viareggio

VIAREGGIO — Un’immane tragedia nella notte, a Viareggio, in Toscana. Un treno merci è deragliato provocando un’esplosione che ha devastato due palazzine accanto alla ferrovie. Il bilancio è tragico: 13 morti e una cinquantina di feriti, di cui 36 gravi o gravissimi. È successo a mezzanotte.

La deflagrazione ha investito le case vicine, provocando il crollo di alcune palazzine. Recuperati i corpi di due bambini. Tra le vittime ci sono alcune persone che si trovavano a passare per strada.

Dalle prime ricostruzioni pare che il cedimento del carrello di uno dei primi vagoni-cisterna del convoglio 50325 Trecate-Gricignano abbia trascinato fuori binario altri 4 carri. Il deragliamento avrebbe provocato la fuoriuscita del gas Gpl contenuto nella cisterna che si sarebbe incendiato.

Non ci sarebbe stata dunque l’esplosione del primo carro cisterna come si era invece ipotizzato all’inizio. Il controllo effettuato sui carri dai tecnici della verifica in partenza da Trecate non aveva evidenziato alcuna anomalia.

Mentre si scava fra le macerie per recuperare altre vittime, sono un migliaio le persone evacuate dalle loro abitazioni in seguito all’esplosione. Sull’incidente sono in corso gli accertamenti della procura di Lucca.

A causa dell’incidente di Viareggio la circolazione ferroviaria sulla Direttrice Tirrenica è interrotta tra le stazioni di Pisa e Forte dei Marmi.

Il pacchetto sicurezza è legge: l’immigrazione clandestina diventa reato

L'immigrazione clandestina diventa reato ROMA -- Con 157 voti a favore, tre astenuti e 124 contrari il "pacchetto sicurezza ...