iscrizionenewslettergif
Editoriali Politica

Centrosinistra: se Bruni parte con il piede giusto…

Di Redazione26 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bruni con il vicepresidente della Commissione Europea Margot Wallstrom

Bruni con il vicepresidente della Commissione Europea Margot Wallstrom (foto courtesy www.listabruni.it)

Mentre il sindaco, il centrodestra e la Lega si affannano nel tentativo di fare quadrare il cerchio della giunta comunale, il centrosinistra affila le armi, pronto a fare una forte opposizione in consiglio comunale.

L’ex sindaco Bruni guiderà, da par suo, un’opposizione che deve ancora riprendersi dal micidiale “uppercut” buscato alle elezioni di due settimane fa. Non sarà facile combattere le strapotere del Pdl e della Lega in città. Nel capoluogo, gli scandali che stanno coinvolgendo Berlusconi sono solo un lontano eco. Il consenso in città dei due principali partiti del centrodestra è sempre molto elevato.

Tuttavia l’avvocato Bruni, dopo la comprensibile tensione per la batosta subita, è partito con il piede giusto. Con una scelta di realismo e serietà politica ha messo nel cassetto l’ipotesi del governo ombra: quella sorta di governo parallelo delle opposizioni che non conta nulla e serve solo a riempire i giornali di dichiarazioni vuote, di assessori “virtuali”. Finalmente.

Per contro, sarà un’opposizione a tutto campo, assicurano dal centrosinistra. Soprattutto sui temi caldi di sempre: la sicurezza, il piano di governo del territorio e la partecipazione. E sarà battaglia, fin dalla prima seduta, quando i vincitori presenteranno le linee guida della loro azione di governo.

Bruni avrà come spalla in consiglio comunale il capogruppo del Partito Democratico Elena Carnevali, già assessore ai servizi sociali della sua amministrazione. Per evitare nuovi sfaceli e aumentare il consenso, il centrosinistra dovrà fare uscire le contraddizioni della maggioranza dal palazzo e portarle fra la gente. Compito tutt’altro che facile per esponenti che aborrono le tentazioni e le derive del populismo imperante.

Congresso Pd: quei due sfidanti che sembrano tanto Don Camillo e Peppone

Dario Franceschini e Luigi Bersani Sa molto di Don Camillo e Peppone la sfida che opporrà Dario Franceschini e Pierluigi ...

Palafrizzoni, la giunta così non va: consiglieri del Pdl verso la fronda

Palazzo Frizzoni, sede del Comune BERGAMO -- Non siamo ancora arrivati alla prima assemblea, fissata per il 1 luglio, ma ...