iscrizionenewslettergif
Val Cavallina

Ubriaco al volante uccise un operaio stradale: arrestato

Di Redazione25 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'interno dell'ambulanza

L'interno dell'ambulanza

TORRE DE BUSI — Da una camera d’ospedale a una cella del carcere. E’ stato arrestato con l’accusa di omicidio colposo e trasferito al penitenziario di Pescarenico Claudio Donati, il 42enne originario Sondrio, responsabile dell’incidente costato la vita a un operaio sulla provinciale 177 di Torre de Busi.

Il Donati lo aveva travolto con la sua Audi A4 mentre l’uomo era al lavoro sul cantiere della ditta Carlo Piazza con un altro operaio, anch’esso investito.

Le conseguenze dell’incidente erano state drammatiche. Il trentasettene Pietro Buzzoni di Vimogno di Primaluna era morto subito dopo il ricovero in ospedale. Mentre per il compagno di lavoro Marco Magni che si trovava a bordo di un mini-escavatore se l’era cavata con una prognosi di 10 giorni.

L’autista dell’Audi nel frattempo era stato trasportato all’ospedale di Lecco. Qui era stato sottoposto alla prova dell’etilometro che aveva accertato un tasso alcolemico cinque volte superiore al consentito.

L’incidente era avvenuto nel tratto stradale di via Mandamentale. Il cantiere era delimitato da una serie di cartelli sui lavori in corso in entrambi i sensi di marcia, con l’invito a procedere a velocità di 20/30 km orari. Non è bastato.

Cade dal tetto del garage: grave 80enne pensionato

L'elisoccorso del 118 RANZANICO -- Si trovava sul tetto del garage per effettuare dei lavori quando, per cause ...

Dopo 30 anni si torna a fare il bagno nel Lago di Endine

Il Lago di Endine, in Val Cavallina ENDINE -- Dopo quasi 30 anni, il Lago di Endine è tornato balneabile. Le ultime ...