iscrizionenewslettergif
Sport

Costinha pronto a lasciare l’Atalanta. Anzi, no

Di Redazione23 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Costinha

Costinha

BERGAMO — “Atalanta e Costinha risolvono il contratto? La notizia è priva di fondamento, se dovesse esserci uno sviluppo di questo tipo sicuramente verrebbe fatto un comunicato stampa ufficiale”. La smentita ad alcuni articoli riportati dalla stampa nazionale arriva direttamente dal direttore sportivo nerazzurro Carlo Osti.

La notizia, apparsa nella serata di ieri su alcuni siti internet non corrisponde, purtroppo aggiungiamo noi, alla realtà. Francisco Josè Rodrigues Costa meglio conosciuto come Costinha dunque resta dell’Atalanta anche se, con una sola presenza ufficiale in maglia nerazzurra nelle ultime due stagioni di serie A, è difficile parlare di un giocatore a tutti gli effetti. Atalanta-Parma, prima giornata del campionato 2007/2008: cinquantatré minuti giocati, i primi e finora gli unici disputati con la Dea.

Arrivato nell’estate del 2007 a parametro zero, al centrocampista portoghese fu fatto firmare un sontuoso contratto da 700 mila euro a stagione. Cifre alla mano, l’uomo con la Lamborghini gialla è costato oltre 2 milioni di euro (tasse incluse) alla società della famiglia Ruggeri: Cristiano Doni guadagna 450 mila euro a stagione in linea con il tetto ingaggi.

Bastavano questi numeri per guardare con interesse alla notizia che annunciava come imminente la rescissione del contratto al prossimo 30 giugno. Le parole di Osti, invece, riportano tutti con i piedi per terra.

O quasi. Per il trentaquattrenne ex campione d’Europa si parlava di un ruolo nello staff del suo grande amico Josè Mourinho. Ma quella che per molti tifosi sarebbe stata una grande notizia si è rivelata una boutade giornalistica.

Avvistato più volte, sia a San Siro sia alla Pinetina durante gli allenamenti dei campioni d’Italia, Costinha subì un infortunio abbastanza misterioso subito dopo la prima giornata e non tornò mai più a disposizione di Luigi Del Neri.

Mesi e mesi passati in palestra ad allenarsi da solo, dirigenti e tecnico che mal volentieri affrontavano l’argomento e un contratto liberamente sottoscritto che ben presto si è rivelato un cappio per l’Atalanta. Nell’ultima sessione di mercato il giocatore dichiarò di essere in condizione per tornare nel campionato portoghese, si propose allo Sporting Lisbona ma tutti sappiamo come è andata. Poi, desaparecidos…

Fabio Gennari

Atalanta, adesso il buco è proprio nel mezzo

Piermario Morosini BERGAMO -- Da qualche settimana, il mercato nerazzurro sembra concentrato sugli attaccanti: Acquafresca, Meggiorini, Plasmati. ...

Acquafresca e Atalanta: oggi la decisione del giocatore

Robert Acquafresca BERGAMO -- Oggi sapremo tutto. Paolo Fabbri, agente dell’attaccante Robert Acquafresca, ha confermato che mancano ...