iscrizionenewslettergif
Sport

Acquafresca all’Atalanta: settimana decisiva

Di Redazione20 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il calciatore Robert Acquafresca

Il calciatore Robert Acquafresca

BERGAMO — Il destino di Robert Acquafresca si deciderà entro la metà della prossima settimana. I tifosi nerazzurri quindi dovranno aspettare ancora qualche giorno prima di sapere se il forte attaccante torinese classe 1987 vestirà o meno la maglia nerazzurra.

Da giovedì Acquafresca è a tutti gli effetti un giocatore del Genoa, le parole del presidente Preziosi hanno confermato ancora una volta come nella prossima stagione verrà mandato a giocare in prestito. “Alle società interessate ad Acquafresca dico sempre di mettersi d’accordo con lui, poi di venire da me. Il giocatore prenderà la decisione che preferisce, ha bisogno di giocare e non lo farà nel Genoa”.

Le squadre interessate sono tante ma ci pensa il suo procuratore Paolo Fabbri a fare chiarezza. “Adesso che il discorso con il Genoa è sistemato, il ragazzo deve scegliere la sua prossima squadra. La sua volontà è quella di giocare con continuità, ci sono tante squadre ma oggi le possibilità sono esattamente al 50 per cento tra Atalanta e Parma”.

Sono circolati i nomi di Lazio e Juventus, potrebbero inserirsi nella corsa? “I bianconeri hanno parlato credo con il Genoa, dovesse esserci la possibilità di una grandissima come la società torinese ovviamente valuteremo ma le due squadre con maggiori chances sono nerazzurri e gialloblù”.

Lei parla di uguali possibilità per Atalanta e Parma, sentendo anche il ragazzo non ci sono aspetti che possano far pensare ad una favorita? “A Bergamo c’è l’amicizia con Osti, a Parma l’allenatore che ha fatto esordire Acquafresca (Bortoluzzi, secondo di Guidolin, a Treviso nel 2005/2006). Ripeto, la possibilità di giocare con continuità sarà molto importante, molto presto comunque tutto sarà più chiaro”.

Crede sia possibile ipotizzare una scadenza? “Penso che entro la fine della settimana prossima una decisione sarà presa, addirittura forse già prima di mercoledì. Non vedo problemi o motivi che possano far pensare ad un’attesa più lunga, la situazione è abbastanza chiara”.

Anche se Fabbri non lo dice, tra Atalanta e Parma sono i bergamaschi la soluzione migliore per Acquafresca e la spiegazione è subito chiara. Ad oggi nella rosa del Parma ci sono sei attaccanti: Paloschi, Lucarelli,Vantaggiato, Leon, Reginaldo e Pisanu. Per il centravanti dell’under 21 la concorrenza quindi non manca, soprattutto Alberto Paloschi (rinnovata la comproprietà con il Milan) è candidato ad una maglia da titolare con diverse soluzioni a disposizione di Guidolin.

L’Atalanta oggi è in grado di offrire una maglia sicura da titolare al ventiduenne ex Cagliari con Tiribocchi, Doni ed un quarto attaccante da individuare (Plasmati, Meggiorini o Succi) a completare il reparto avanzato.

Fabio Gennari

Bentivoglio, parla il procuratore: “L’Atalanta? Se c’è l’accordo, possiamo chiudere in fretta”

Simone Bentivoglio interviene duro su Alessandro Del Piero BERGAMO -- Nonostante le tante compartecipazioni da risolvere, che stanno ingessando il calcio mercato, l’Atalanta ...

Atalantini, il 9 luglio parte la “Festa della Dea”

Una strepitosa immagini degli atalantini in festa BERGAMO -- Qualcuno li dava per finiti. Si era parlato di scioglimento, di una Curva ...