iscrizionenewslettergif
Bergamo

Rapina in gioielleria, parla il marito: “Dieci minuti di violenza e terrore”

Di Redazione19 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Mario Mazzucchetti, marito della povera gioielliera aggredita

Mario Mazzucchetti, marito della povera gioielliera aggredita

SANTA CATERINA — Sono stati dieci minuti di autentico terrore quelli passati dalla povera Mirante Brugnetti, la gioielliera di Santa Caterina aggredita, picchiata e rapinata ieri sera alle 18.30 da un malvivente italiano.

Il racconto fatto dal marito Mario Mazzucchetti il giorno dopo è allucinante: “Mentre mia moglie era nella saletta sul retro il delinquente l’ha afferrata da dietro è ha cominciato a picchiarla”. Pugni in volto, tanto che la povera donna sotto quei colpi terribili stava quasi per svenire.

“Forse è stato questo che ha spaventato il delinquente – ipotizza il marito – se mia moglie fosse svenuta il bandito sarebbe rimasto bloccato dentro il negozio perché non aveva le chiavi per uscire. Forse per questo è stato così brutale”.

Un bandito violentissimo e inesperto?. Forse. Certo è che la povera donna non ha potuto fare alcuna mossa per far scattare l’allarme alla polizia. “Quel delinquente non le ha concesso il minimo movimento – continua il marito – la teneva sotto controllo e le sferrava pugni in faccia”.

Tutto è avvenuto in una delle zone più trafficate della città. A un orario che dire di punta è un eufemismo. Possibile che nessuno abbia visto o sentito niente? Mazzucchetti non se ne capacita: “Qui davanti passano centinaia di persone all’ora. La serranda era alzata e l’interno della gioielleria era ben visibile. Meno il retro dove è avvenuta la violenza”.

Una pista potrebbe esserci. “Prima dell’aggressione mia moglie ha visto confabulare quel giovane con una donna che era appena entrata a chiedere degli anelli per un regalo alla madre”. Probabilmente una complice di cui la gioielliera ha già fornito la descrizione, insieme a quella del bandito, alla polizia. Maggiori particolari per gli inquirenti arriveranno quando la povera Brugnetti che ancora si trova in ospedale con diverse lesioni e tumefazioni al volto, troverà il tempo e il coraggio di incontrare gli investigatori per ricostruire questa terribile vicenda.

RELATED LINK
Aggredisce a pugni la titolare e rapina gioielleria

Aggredisce a pugni la titolare e rapina gioielleria

La gioielleria rapinata in via Cesare Battisti SANTA CATERINA -- Ha preso a calci e pugni la titolare di una gioielleria e ...

Tutto da rifare: il Tar cancella il mega-palazzo della Provincia

La sede della Provincia progettata da Isozaki BERGAMO -- Tutto da rifare. Il mega-progetto della Provincia messo in campo dall'Amministrazione Bettoni e ...