iscrizionenewslettergif
Economia

La disoccupazione galoppa: 7,9 per cento

Di Redazione19 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Lavoratori in piazza per difendere il loro posto di lavoro

Lavoratori in piazza per difendere il loro posto di lavoro

Brutte notizie sul settore del lavoro. Secondo i dati presentati oggi dall’Istat, il numero degli occupati in Italia è diminuito nel primo trimestre di quest’anno dello 0,9 per cento. Ci sarebbero dunque 204mila disoccupati in più rispetto allo stesso periodo del 2008.

Il dato è frutto del calo di occupazione di 426mila italiani e dell’aumento di occupazione per 222mila stranieri. La flessione dell’occupazione è concentrata soprattutto nel settore dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese. Particolarmente penalizzati i contratti a termine e i collaboratori.

Si tratta del primo calo da 14 anni a questa parte ed è più accentuato nel Mezzogiorno, dove sono andati persi 114mila posti di lavoro sul totale di 204mila.

Secondo l’Ista, con questi risultati il tasso di disoccupazione in Italia nel primo trimestre 2009 tocca quota 7,9 per cento. Si tratta del tasso pi˘ alto dal 2005. L’Istat sottolinea inoltre che il numero delle persone in cerca di occupazione registra il quinto aumento tendenziale consecutivo, portandosi a 1.982.000 unità rispetto al primo trimestre 2008.

Confindustria: Pil a -4,9 per cento e “ripresina” nel 2010

il settore dell'auto è fra i più penalizzati dalla crisi I dati, in una situazione normale, farebbero rabbrividire. Ma in tempo di crisi stimolano a ...

L’Italia prima per tasse sul lavoro

Abbiamo il più alto carico fiscale sul lavoro d'Europa L'Italia è il paese europeo che ha il più alto carico fiscale sul lavoro. Lo ...