iscrizionenewslettergif
Sport

Bentivoglio, parla il procuratore: “L’Atalanta? Se c’è l’accordo, possiamo chiudere in fretta”

Di Redazione19 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Simone Bentivoglio interviene duro su Alessandro Del Piero

Simone Bentivoglio interviene duro su Alessandro Del Piero

BERGAMO — Nonostante le tante compartecipazioni da risolvere, che stanno ingessando il calcio mercato, l’Atalanta si muove alla ricerca dei due tasselli che ancora le mancano e sul tavolo c’è più di una possibilità.

Simone Bentivoglio, centrocampista piemontese classe 1985 da due stagioni al Chievo, è il nome nuovo che circola con insistenza da qualche giorno e le parole del suo agente Alessandro D’Amico, raggiunto in esclusiva da Bergamosera, conferma il contatto con i nerazzurri.

“Bentivoglio interessa all’Atalanta. Dal punto di vista tecnico anche Bari, Parma e Torino si sono fatte sentire per un sondaggio ma credo che ogni discorso sia legato a quello che il Chievo vorrà fare. Mister Di Carlo non vede il giocatore, a volte succede ci siano tecnici che per convinzioni tecniche o tattiche preferiscano altre soluzioni ma non è un problema”.

Il rischio è quello di un asta. Ma l’impressione è che l’Atalanta, rispetto alle due neo-promosse e al Torino che giocherà in serie B, sia già avanti nella trattativa. Indiscrezioni in attesa di conferma parlano di un accordo tra Osti e Sartori per 1,5 milioni di euro, più la comproprietà di Daniele Capelli che a Verona troverebbe più spazio. La prospettiva è da confermare ma sicuramente vantaggiosa sia per i nerazzurri sia per i veneti.

Ma una volta raggiunto l’accordo con il Chievo, è ipotizzabile una chiusura rapida tra Bentivoglio e la nuova società? “Penso che se Atalanta e Chievo domani trovano l’intesa, io ci metto poco a chiudere il discorso”.

Alessandro d’Amico cura anche gli interessi di un altro giocatore appetito dai nerazzurri, quel Riccardo Meggiorini che nel Cittadella si è fatto conoscere dal grande pubblico. Nonostante le parole del presidente genoano Preziosi, allo stato attuale sono ancora Inter e Cittadella i proprietari del cartellino di Meggiorini, precisa l’agente. “Tecnicamente non è possibile cedere la metà di una partecipazione, si deve risolvere la comproprietà ed eventualmente farne una nuova. Meggiorini è a metà tra Inter e Cittadella, ogni discorso deve essere fatto dopo la risoluzione. Fosse tutto dell’Inter andremmo a discutere con i nerazzurri, fosse del Cittadella le riunioni si faranno con loro”.

Fabio Gennari

Begnini vende il Monza a Bergomi e Seedorf

Il centrocampista del Milan Clarence Seedorf BERGAMO -- Il milanista Clarence Seedorf e l'interista Beppe Bergomi sono interessati all'acquisto dell'Ac Monza ...

Acquafresca all’Atalanta: settimana decisiva

Il calciatore Robert Acquafresca BERGAMO -- Il destino di Robert Acquafresca si deciderà entro la metà della prossima settimana. ...