iscrizionenewslettergif
Politica

Arnoldi: i voti che hanno fatto vincere subito Tentorio vengono dall’Udc

Di Redazione19 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gianantonio Arnoldi durante l'intervista

Gianantonio Arnoldi durante l'intervista

BERGAMO — L’uomo dalle sette vite, politiche s’intende. Gianantonio Arnoldi, democristiano di lunga data, fondatore e segretario di Forza Italia a Bergamo, parlamentare azzurro e ora nell’Udc anche se in posizione defilata, da oltre trent’anni è uno di quei personaggi che mastica pane e politica quotidianamente. Sornione, riflessivo, ama spiazzare attraverso il ragionamento. In questa lunga intervista – che per esigenze editoriali pubblicheremo in più parti – Arnoldi ci svela i segreti inconfessabili della politica bergamasca e i retroscena dell’ultima campagna elettorale.

Arnoldi, come le sono parse le ultime elezioni?
Tutto come previsto. Avevo il sentore che i risultati sarebbero stati questi e lo sono stati.

Anche quelli dell’Udc?
Mi dispiace che l’Udc a livello provinciale non abbia rispettato il trend che si era aperto con il risultato delle Europee. Ma per il resto, mi sembra che il risultato finale delle elezioni rispecchi le attese e le preoccupazioni dei bergamaschi.

Aveva previsto anche la disfatta di Bruni?
Mi spiace per Roberto Bruni. E’ una brava persona e un caro amico, con cui ho sempre avuto una certa sintonia. Ma a Bergamo c’è un’aria nuova e la sua aggregazione politica non aveva chances. Ha provato a mettere in gioco tutta la sua professionalità, ma non è bastato.

Come le sono sembrati i candidati dei due schieramenti principali?
Bruni e Tentorio sono la fotocopia uno dell’altro. Io ho dichiarato in più di un’occasione che avrei visto benissimo che chi vinceva le elezioni nominava l’altro vicesindaco. Li ho visti entrambi molto allineati e coperti. Nessuno dei due mordeva, entrambi “leccavano”. Ho visto due persone per bene che si confrontavano probabilmente senza la cattiveria necessaria per dare una svolta decisiva a questa città.

E il vostro candidato?
Beppe Mazzoleni era al liceo con me al Lussana. Tutti quelli usciti dal Lussana in quel periodo hanno gli attributi per fare il sindaco di Bergamo. Presentarlo stavolta, però, non è stato il momento giusto. Mazzoleni farà il sindaco fra 10 anni.

Chi ha deciso la sua candidatura?
La sua era una candidatura di dialogo. Non l’ho proposta io. Me l’hanno proposta. E proprio perché si trattava di un mio compagno di liceo, di una persona che stimo moltissimo, l’ho dovuta, pur torto collo, accettare.

Ha preso il 2,9 per cento…
Era difficile votarlo. Persino i miei amici che mi chiedevano di votare Udc l’hanno votato solo in piccola percentuale. La gente voleva scegliere subito il candidato vincente. Non voleva più sentir parlare di vecchie logiche politiche. Volevano votare Bruni o Tentorio. E devo dire la verità: al 90 per cento sono riuscito a convincerli a votare Tentorio.

C’è una differenza di due punti fra i voti Udc alle Europee e quelli alle comunali. Voti che sono andati tutti a Tentorio?
Facciamo un ragionamento. Alle Europee l’Udc prende 3700 voti. Alle Comunali non arriva a 2000. Vuol dire che di quei 1700 voti di differenza, e potrei dirglieli uno a uno, 1500 sono andati a Tentorio e 200 a Bruni. E quei 1500 sono quelli che hanno fatto vincere Tentorio al primo turno portandolo sopra il 50 per cento. Ma Tentorio queste cose le sa.

Prima di Mazzoleni, qualcuno del vertice Udc aveva parlato di un candidato che avrebbe sbaragliato, salvo poi rinunciare all’ultimo. Di chi si trattava?
Non lo so. Dovrebbe chiederlo a chi è uscito sui giornali con queste dichiarazioni. Il candidato vincente in assoluto di solito perde sempre alle elezioni, è una legge della politica.

Gli elettori del centrosinistra hanno ringraziato pubblicamente l’ex sindaco…
L’avrei ringraziato anch’io, se lo avessi trovato, per il lavoro che ha svolto in quel caos. E’ riuscito a governare un’alleanza ingovernabile.

A proposito di alleanze. Quello di Tentorio sarà un governo cittadino di centrodestra con la Lega o leghista con il centrodestra?
E’ chiaro che queste elezioni le ha vinte la Lega. In una città come Bergamo, fatta da molti professionisti, poi prevale il Pdl. Berlusconi ha dato uno spazio incredibile alla Lega. Vedremo.

Tentorio ha riproposto la tangenziale est del suo amico Veneziani. La farà anche se c’è già la Nembro-Seriate?
No lo so. Certo Tentorio è la persona giusta per fare un’opera del genere. E comunque, meglio due tangenziali mezze vuote che una ferma in coda come accade adesso sull’asse interurbano.

— fine della prima parte —

Nella prossima puntata: Bettoni e i retroscena della gara in Provincia

Daniele Belotti (Lega Nord): intitoleremo il nuovo stadio ai Bortolotti

BERGAMO -- Fu uno dei promotori dell’iniziativa che aveva come obiettivo l’intitolazione dello stadio “Atleti ...

Consiglio comunale, “esordio” per il neosindaco Tentorio

BERGAMO -- Il nuovo sindaco di Bergamo Franco Tentorio farà il suo "esordio" in consiglio ...