iscrizionenewslettergif
Bergamo

Aggredisce a pugni la titolare e rapina gioielleria

Di Redazione19 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
La gioielleria rapinata in via Cesare Battisti

La gioielleria rapinata in via Cesare Battisti

SANTA CATERINA — Ha preso a calci e pugni la titolare di una gioielleria e poi l’ha rapinata, portando via 25mila euro in preziosi. E’ accaduto ieri sera alle 18.30 alla gioielleria «Miri» di via Cesare Battisti 3/B, sul ponte di Santa Caterina, una delle zone più trafficate della città.

Un uomo sui trentacinque anni è entrato nel negozio a volto scoperto. Con un forte accento bergamasco ha chiesto alla titolare di vedere alcune fedi nuziali e qualche gioiello da regalare alla fidanzata.

La titolare – Mirante Brugneti, 65 anni e da 15 nel negozio – sta per mostrarglieli quando l’uomo l’ha aggredita a calci e pugni, costringendola ad apire la cassaforte.

Il malvivente ha prelevato dal forziere dei diamanti e dell’oro grezzo. Quindi ha trascinato la titolare in bagno, minacciandola di non uscire, e si è dato alla fuga.

La donna, impaurita, è uscita pochi minuti dopo e ha dato l’allarme al 113. Sul posto, dalla vicina questura, è subito arrivata una volante squadra Mobile. Gli agenti della polizia scientifica hanno avviato i rilievi nel locale, alla ricerca di tracce dell’autore della rapina.

Nel frattempo, la donna piena di lividi è stata trasportata in ambulanza al Pronto soccorso delle Cliniche Gavazzeni. E’ stata dimessa in tarda serata.

Ancora uno scippo: anziana derubata al Villaggio degli Sposi

scippo VILLAGGIO DEGLI SPOSI -- Due scippi nel giro di tre giorni nei quartieri periferici della ...

Rapina in gioielleria, parla il marito: “Dieci minuti di violenza e terrore”

Mario Mazzucchetti, marito della povera gioielliera aggredita SANTA CATERINA -- Sono stati dieci minuti di autentico terrore quelli passati dalla povera Mirante ...