iscrizionenewslettergif
Economia

Confindustria: Pil a -4,9 per cento e “ripresina” nel 2010

Di Redazione18 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
il settore dell'auto è fra i più penalizzati dalla crisi

il settore dell'auto è fra i più penalizzati dalla crisi

I dati, in una situazione normale, farebbero rabbrividire. Ma in tempo di crisi stimolano a trovare soluzioni. Secondo le stime del Centro studi di Confindustria il Pil (prodotto interno lordo, ovvero l’indice della ricchezza del paese) italiano nel 2009 calerà del 4,9 per cento.

L’istituto di ricerca degli industriali corregge in peggio, dunque, le previsioni di marzo che parlavano di una flessione del 3,5 per cento.

Come ripete spesso il premier Silvio Berlusconi, il nostro paese comunque deve tenere duro e guardare con fiducia al futuro. Facile a dirsi, un po’ meno a farsi. Però in questo momento non ci sono alternative al lavoro duro per uscire dalla crisi.

Dopo quest’estate drammatica, potrebbe presto tornare il sereno. Sempre secondo i dati di Confindustria il prodotto interno lordo potrebbe tornare a crescere dello 0,7 per cento nel 2010. Ma la ripresa sarà “ripida”, ovvero ardua e dura. Cosa che di solito non scoraggia gli imprenditori veri.

L’obiettivo è portar fuori dalla crisi aziende e lavoratori (e relative famiglie). Sono soprattutto gli ultimi a pagare lo scotto più alto. Stando ai dati, nei due anni tra il primo trimestre del 2008 e il primo del 2010, la recessione causerà la perdita di circa un milione di unita’ di lavoro, tra impieghi e cassa integrazione.

In Bergamasca, il comparto più penalizzato resta quello del tessile con l’intero distretto della Valseriana in fortissima difficoltà.

Negozi storici: ancora pochi giorni per il riconoscimento dalla Regione

Il Sentierone (foto Daniele Caltabiano) Si avvicina il termine di scadenza per la presentazione delle domande di riconoscimento dei negozi, ...

La disoccupazione galoppa: 7,9 per cento

Lavoratori in piazza per difendere il loro posto di lavoro Brutte notizie sul settore del lavoro. Secondo i dati presentati oggi dall'Istat, il numero degli ...