iscrizionenewslettergif
Politica Sport

Daniele Belotti (Lega Nord): intitoleremo il nuovo stadio ai Bortolotti

Di Redazione18 giugno 2009 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il vecchio stadio comunale "Atleti Azzurri d'Italia"

Il vecchio stadio comunale "Atleti Azzurri d'Italia"

BERGAMO — Fu uno dei promotori dell’iniziativa che aveva come obiettivo l’intitolazione dello stadio “Atleti Azzurri d’Italia” ad Achille e Cesare Bortolotti. Tutti quanti sappiamo come è andata a finire. Ma oggi che Daniele Belotti, esponente della Lega Nord e tifosissimo dell’Atalanta, è fra i politici più influenti sulla squadra che governerà la città nei prossimi anni con Tentorio, qualcosa di nuovo forse può accadere.

Chiaro e diretto come al solito, il consigliere regionale leghista spiega però, senza esitazioni, che non pensa di riproporre l’intitolazione del vecchio Comunale, ma punta al nuovo stadio.

“Personalmente – spiega Belotti – sono contrario a riproporre questa cosa per il Comunale. Quello che è successo l’ultima volta in consiglio non credo sia giusto rivederlo per rispetto alla memoria di Achille e Cesare Bortolotti”.

“Per i toni e le dichiarazioni usati – prosegue il leghista – c’è ancora un procedimento di querela da parte della famiglia verso un vecchio componente della giunta, per fortuna non rieletto, che definì “petrolieri evasori” i Bortolotti. Ma di certo l’idea dell’intitolazione non è stata abbandonata e verrà fatta per il nuovo impianto”.

Già, il nuovo impianto. A Bergamo sono cambiati parecchie giunte ma, dopo tante promesse, nulla è cambiato. “Credo che se non verrà costruito con Tentorio sindaco, uno che all’Atalanta ci tiene davvero, le prospettive future siano davvero nere. Bruni è stato coerente con quello che ha sempre detto: per lui lo stadio non era una priorità e si è comportato di conseguenza ma d’altronde era difficile aspettarsi qualcosa di diverso da un tifoso milanista”.

Ma dove sorgerà il nuovo stadio? Negli anni ci sono state tante proposte ma il “fronte del no” è sempre stato compatto. “Le zone dove sarà possibile costruire la nuova Cittadella dello Sport sono quelle già da tempo individuate: alla Grumellina, a Zanica oppure a Grassobbio. Certamente sarà fondamentale che il comune di Bergamo e i comuni interessati siano d’accordo con la Provincia sulla viabilità, con le società costruttrici e con l’Atalanta. Speriamo bene, sicuramente il sindaco Tentorio e gli altri protagonisti sono sulla stessa lunghezza d’onda, Percassi, Cividini, Lombardini e l’Atalanta insieme per lo stadio nuovo”.

I tifosi lo aspettano da anni, generazioni di appassionati della Dea si sono succedute sui gradoni del Comunale. E’ ipotizzabile fornire delle date in cui il progetto potrà finalmente partire? “E’ una cosa da fare in tempi stretti per dimostrare un cambiamento rispetto al passato ma anche per vederlo realizzato entro la fine del mandato. Lo stadio nuovo – chiosa Belotti – consentirà all’Atalanta di giocare, prima o dopo succederà, di nuovo in Europa senza chiedere ospitalità ad esempio alla città di Modena”.

Fabio Gennari

Il mercato dell’Atalanta fra comproprietà e opportunità

Andrea Lazzari tenta di dribblare lo juventino Marco Marchionni BERGAMO -- Carlo Osti, direttore sportivo dell’Atalanta, ne parla come se fossero lo snodo cruciale ...

Begnini vende il Monza a Bergomi e Seedorf

Il centrocampista del Milan Clarence Seedorf BERGAMO -- Il milanista Clarence Seedorf e l'interista Beppe Bergomi sono interessati all'acquisto dell'Ac Monza ...